Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Razzo cinese fuori controllo, capo del Pentagono rivela se USA lo abbatteranno

© REUTERS / STRA Long March 5B rocket, carrying China's Tianhe space station core module, lifts off from the Wenchang Space Launch Center in southern China's Hainan province on April 29, 2021.
A Long March 5B rocket, carrying China's Tianhe space station core module, lifts off from the Wenchang Space Launch Center in southern China's Hainan province on April 29, 2021.  - Sputnik Italia, 1920, 07.05.2021
Seguici su
Il 29 aprile, la Cina ha lanciato il razzo portaerei Long March 5B con il modulo principale per la sua futura stazione orbitale. L'aviazione statunitense ha detto in precedenza che si aspettava che il nucleo del razzo si schiantasse nell'Oceano Pacifico entro la fine della settimana.
Gli Stati Uniti sperano che il razzo cinese, che sta eseguendo un rientro incontrollato, cada in un luogo sicuro dato che non ha intenzione di abbatterlo, ha detto il capo del Pentagono Lloyd Austin.
"Non abbiamo un piano per abbattere il razzo. Speriamo che atterri dove non danneggerà nessuno, si spera nell'oceano o in un posto del genere", ha detto Austin.
Ha detto che gli esperti stanno lavorando sui tempi e sul probabile luogo della caduta del pezzo del razzo. Austin ha aggiunto che gli Stati Uniti hanno la capacità di abbattere i detriti che volano sulla Terra, anche se al momento non ci sono piani di questo tipo.
Il pezzo centrale della sonda Long March 5B (anche nota come Changzheng 5B, o solo LM-5B) dovrebbe rientrare nell'atmosfera terrestre tra le 3 di mattina dell'8 maggio e le 9 di sera del 9 maggio, ora italiana, sulla parte meridionale dell'Oceano Pacifico non lontano dalla Nuova Zelanda, secondo i rapporti.
La Cina ha lanciato il razzo portaerei Long March 5B con il modulo principale per la sua futura stazione orbitale alla fine di aprile. Tianhe sarà il centro di controllo della stazione orbitale di Tiangong ("Palazzo Celeste"). The Guardian ha precedentemente citato un astrofisico presso l'Astrophysics Centre dell'Università di Harvard affermando che le parti del razzo potrebbero potenzialmente atterrare su un'area abitata che va da nord, da New York, Madrid e Pechino, fino a sud, Cile e Nuova Zelanda. Lo scienziato, tuttavia, si aspettava allo stesso modo che le parti del razzo cadessero in mare, dato che la maggior parte del nostro pianeta è coperta da oceani.
La Cina prevede di finire di assemblare la sua prima stazione spaziale nell'orbita terrestre inferiore entro il 2022. Pechino ha pianificato diverse missioni, sia cargo che con equipaggio, nel 2021 e nel 2022 per completare il complesso e prevede di lanciare ufficialmente la stazione spaziale nel 2023.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала