Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati europei scoprono come prevedere decorso grave del Covid-19

© Foto : Ufficio Stampa AFK "Sistema" / Vai alla galleria fotograficaProduzione del vaccino contro Covid
Produzione del vaccino contro Covid - Sputnik Italia, 1920, 06.05.2021
Seguici su
Il numero di cellule T killer nel sangue di un paziente con coronavirus è un biomarcatore in grado di prevedere la gravità del decorso del Covid-19 anche in una fase iniziale dell'infezione: lo hanno concluso scienziati svizzeri, tedeschi e francesi.
Un team guidato dal professor Burkhard Becher dell'Istituto di immunologia sperimentale dell'Università di Zurigo, in collaborazione con ricercatori francesi e tedeschi, ha scoperto che il numero di cellule T natural killer nel sangue potrebbe essere un biomarcatore per il Covid. Queste cellule sono un tipo di globuli bianchi e fanno parte della risposta immunitaria iniziale.
"Il numero di cellule T natural killer nel sangue può essere utilizzato per prevedere casi gravi di COVID-19 con un alto grado di certezza, anche il primo giorno di degenza ospedaliera di un paziente", l'ufficio stampa dell'Università di Zurigo cita le parole del professor Becher.
Secondo gli scienziati, il nuovo test del biomarcatore aiuterà i medici a decidere quale tipo di terapia dovrebbe essere usato per un particolare paziente, così come se il paziente debba essere trasferito all'unità di terapia intensiva.
Secondo Becher, le risposte immunitarie alle varie polmoniti sono molto simili e fanno parte della risposta infiammatoria generale dell'organismo, che spesso si osserva nei pazienti in unità di terapia intensiva.
"Tuttavia, quando si tratta di COVID-19, le cellule T e le cellule natural killer mostrano comportamenti unici e descrivono una sorta di modello nel sistema immunitario, una firma immunitaria specifica per COVID-19", ha detto.
Nel mondo, secondo gli ultimi dati, ci sono stati 156,5 milioni di casi di Covid, di cui 3,2 milioni di decessi e 133,8 milioni di guarigioni. 
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала