Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Libia, Guardia Costiera spara a tre pescherecci italiani, un comandante ferito

© AP Photo / Ibrahim AlaguriPescherecci nel porto di Bengasi, Libia
Pescherecci nel porto di Bengasi, Libia - Sputnik Italia, 1920, 06.05.2021
Seguici su
Il comandante di una delle sue imbarcazioni, Giuseppe Giacalone, è rimasto ferito.
Aggiornamento: La Marina Militare ha rilasciato un comunicato in cui si afferma che il comandante dell'Aliseo, Giuseppe Giacalone "sarà sottoposto a controllo sanitario e cure mediche da parte del personale medico a bordo di nave Libeccio".
"La fregata Libeccio è rimasta in supporto del motopesca Aliseo in quanto il comandante era stato trasbordato dal personale libico a bordo della motovedetta per presunti accertamenti medici ed in seguito rilasciato. Il motopesca Aliseo risulta attualmente libero. Attualmente i motopesca Artemide e Nuovo Cosimo si trovano in navigazione verso nord ed in sicurezza", si aggiunge.
Una motovedetta della Guardia Costiera libica ha sparato contro tre pescherecci italiani a 35 miglia dalla costa per intimarli di fermarsi. Le due imbarcazioni sono l'Aliseo, l'Artemide e Nuovo Cosimo.
Il comandante dell'Aliseo, Giuseppe Giacalone, è rimasto ferito. Lo conferma il figlio Alessandro, in attesa di notizie sulla salute del padre.
"Non abbiamo notizie, siamo preoccupati", ha dichiarato.
La Libeccio, nave della Marina Militare, che si trovava a poche miglia dalle imbarcazioni, è stata autorizzata dai libici a prestargli soccorso.
"Hanno sparato ad altezza d'uomo", ha raccontato, citato sa La Repubblica, il sindaco di Mazara del Vallo - delle cui capitaneria fanno parte l'Aliseo e l'Artemide - Salvatore Quinci.
"Era tutto prevedibile, ne parliamo da giorni qui. Qua la questione è sempre la stessa. Adesso ci dicano se dobbiamo andarcene ma lo Stato Italiano deve proteggere gli italiani. L'Italia si faccia sentire, subito!", ha continuato.
Il sindaco ha anche detto all'Adnkronos che Giacalone "è rimasto ferito lievemente, adesso lo stanno scortando presso un porto della Libia".
"Non ci sono stati colpi esplosi contro imbarcazioni, ma colpi di avvertimento in aria", intanto ha detto all'ANSA il commodoro Masoud Ibrahim Abdelsamad, portavoce della Marina libica.
Un altro contenzioso tra l'Italia e la Libia dopo il rapimento di 18 pescatori italiani, sempre di Mazara del Vallo, avvenuto a dicembre dello scorso anno. 
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала