Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caso Cerciello Rega: ergastolo per i due americani responsabili - Video

© REUTERS / Remo CasilliI cittadini statunitensi Finnegan Lee Elder (destra), e Gabriel Natale-Hjorth (sinistra), accusati di aver ucciso l'agente di polizia militare dei Carabinieri Mario Cerciello Rega, mentre attendono l'inizio dell'udienza finale, Roma, 5 maggio 2021.
I cittadini statunitensi Finnegan Lee Elder (destra), e Gabriel Natale-Hjorth (sinistra), accusati di aver ucciso l'agente di polizia militare dei Carabinieri Mario Cerciello Rega, mentre attendono l'inizio dell'udienza finale, Roma, 5 maggio 2021. - Sputnik Italia, 1920, 06.05.2021
Seguici su
Gli americani Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale-Hjorth hanno fatto notizia nell'estate del 2019 dopo che i due sono stati accusati dell'uccisione di Mario Cerciello Rega, un ufficiale delle forze speciali dei Carabinieri, a seguito di una vendita di droga non andata a buon fine.
Mercoledì una giuria italiana ha condannato due ragazzi americani per l'uccisione di un agente delle forze dell'ordine italiane nel 2019: la sentenza è l'ergastolo, una vita dietro le sbarre.
Dopo oltre 12 ore di consultazioni, la giuria ha conferito a Elder e Natale-Hjorth la pena più severa possibile ai sensi della legge italiana. Sono stati immediatamente portati fuori dall'aula dopo l'annuncio.
Elder e Natale-Hjorth sono stati entrambi giudicati colpevoli di omicidio, aggressione, resistenza a pubblico ufficiale ed estorsione per aver rubato uno zaino a uno spacciatore. Elder è stato accusato separatamente di portare con sé un'arma bianca da combattimento vietata in Italia.
I pubblici ministeri hanno sostenuto durante il processo che Elder aveva pugnalato Rega circa 11 volte con un coltello che aveva ottenuto in California, e che Natale-Hjorth aveva aiutato Elder a nascondere l'arma del delitto nella loro stanza d'albergo dopo l'uccisione dell'ufficiale nel luglio 2019.
Renato Borzone, uno degli avvocati difensori di Elder, durante il processo di 14 mesi ha osservato che a Elder erano stati diagnosticati problemi di salute mentale che gli hanno causato una paranoia estrema. Come tale, Borzone ha sostenuto che Elder aveva "dato di matto" quando si era confrontato con Rega.
Carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 26.07.2019
Carabiniere ucciso a Roma, uno dei giovani americani confessa l'omicidio
A quel tempo, Elder e Natale-Hjorth si erano incontrati nel quartiere della vita notturna di Trastevere a Roma, con Natale-Hjorth che in seguito ha raggiunto un contatto dal quale hanno comprato circa 100$ di cocaina. Tuttavia, poiché in seguito si è rivelato essere solo un'aspirina schiacciata, la coppia ha rubato lo zaino dello spacciatore per frustrazione.
Mentre la notte proseguiva, la coppia ha accettato di restituire lo zaino in cambio della restituzione dei loro soldi o di sostanze illecite. Più tardi, piuttosto che incontrare Elder e Natale-Hjorth, lo spacciatore ha chiamato la polizia. Rispondendo alla chiamata, Mario Cerciello Rega e il suo compagno Andrea Varriale, entrambi in borghese, hanno incontrato i due americani.
Non è chiaro perché i due agenti in borghese non hanno arrestato il duo sul posto. Elder e Natale-Hjorth hanno entrambi detto in aula di aver creduto che gli ufficiali fossero semplicemente delinquenti in quanto non si erano identificati come ufficiali. Entrambi gli americani hanno sostenuto di aver agito per legittima difesa dopo che gli ufficiali, secondo quanto riferito, li hanno attaccati per primi.
© REUTERS / Remo CasilliRosa Maria Esilio, vedova dell'agente di polizia militare dei Carabinieri ucciso Mario Cerciello Rega, reagisce commossa dopo che i cittadini statunitensi Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth sono stati giudicati colpevoli dell'omicidio del marito, Roma, 5 maggio 2021.
Rosa Maria Esilio, vedova dell'agente di polizia militare dei Carabinieri ucciso Mario Cerciello Rega, reagisce commossa dopo che i cittadini statunitensi Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth sono stati giudicati colpevoli dell'omicidio del marito, Roma, 5 maggio 2021. - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Rosa Maria Esilio, vedova dell'agente di polizia militare dei Carabinieri ucciso Mario Cerciello Rega, reagisce commossa dopo che i cittadini statunitensi Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale-Hjorth sono stati giudicati colpevoli dell'omicidio del marito, Roma, 5 maggio 2021.
Varriale, che ha subito lesioni alla schiena durante l'alterco del 2019, ha osservato nel corso del procedimento che lui e Rega si sono identificati come forze dell'ordine in italiano.
In seguito all'incidente mortale, Varriale fu messo in libertà vigilata dopo che fu accertato che aveva mentito sul possesso della sua arma di servizio e per non aver trasmesso la posizione o aver chiesto rinforzi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала