Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Insetti da mangiare, dall'Unione Europea arriva il via libera allo snack alle tarme

Tarme del legno - Sputnik Italia, 1920, 04.05.2021
Seguici su
L'Ue dà il via libera ai prodotti alimentari a base tarme. E' solo l'inizio: l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha in esame una lista di altri 11 insetti.
L'Europa apre all'entomofagia. Le tarme della farina da insetto infestante diventeranno cibo e faranno parte della dieta quotidiana. L'Unione Europea ne ha approvato la commercializzazione come prodotto alimentare.
Si potrà scegliere tra queste opzioni:
  • mangiarle essiccate
  • mangiarle come snack
  • oppure utilizzarle in cucina come farina 
Si tratta del primo insetto ad essere riconosciuto come alimento. L'autorizzazione è arrivata dopo un'attenta valutazione dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) che ha riconosciuto il tenebrone mugnaio, la tipica tarma da cucina, come fonte di proteine a basso impatto ambientale.
Larvas (imagen referencial) - Sputnik Italia, 1920, 06.01.2021
Proteine ​​degli insetti: il futuro del settore agricolo?

Gli insetti nella dieta mediterranea?

L'orientamento Ue delineato nel piano d'azione 2020-2030 sembra andare nel senso della sostenibilità degli alimenti. Gli allevamenti di insetti, da utilizzare come mangimi o come alimenti stessi, hanno un impatto infinitamente minore sull'ambiente rispetto a quelli di animali come bovini, suini o pollame.  
La decisione formale verrà adottata nelle prossime settima dalla Commissione Europea nell'ambito della strategia Farm to Folk. Le tarme faranno da apripista: l'Efsa ha pronta una lista con altri 11 insetti da proporre come prodotti alimentari.
© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaUn insetto in cucina, installazione artistica
Un insetto in cucina, installazione artistica - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Un insetto in cucina, installazione artistica

La reazione degli allevatori 

Se l'entomofagia può provocare scetticismo fra le buone forchette, la svolta sugli insetti della Commissione europea con la strategia Farm to Fork agli addetti del settore agroalimentare appare come "un altro paradosso di un approccio troppo ideologico alla Farm to Fork”. 
Così ha accolto ha accolto il via libera dell’Ue al primo insetto come alimento Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, in una nota stampa inviata alla redazione di Sputnik Italia .
“Da una parte si spinge verso una messa in discussione della produzione delle nostre straordinarie eccellenze alimentari, soprattutto zootecniche, prodotte secondo un modello di sostenibilità unico al mondo” dice Scordamaglia “dall’altra si spingono cibi etnici, alternativi e strumentalmente proposti come più sostenibili per coprire la richiesta crescente di proteine nobili”.
Per il consigliere di Filiera Italia è legittimo "offrire la più ampia varietà possibile di cibo da qualunque parte provenga, ma non si liquidino in fretta i principi della nostra sana ed equilibrata tradizione alimentare - conclude il consigliere delegato – o così facendo si rischia di perde di vista il vero obiettivo della nuova strategia che orienterà per i prossimi decenni le politiche agroalimentari europee: produrre sempre più qualità naturalmente impattando sempre meno e fornendo alle persone cibo sano e sicuro”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала