Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Primo maggio, Landini: “Cambiamo modello di sviluppo per creare nuova occupazione”

© Foto : CGIL Maurizio Landini alla manifestazione del 1 maggio a Terni
Maurizio Landini alla manifestazione del 1 maggio a Terni - Sputnik Italia, 1920, 01.05.2021
Seguici su
Per il leader della Cgil, quest’anno il 1 maggio ha un significato ancora più importante, perché sarà “il lavoro a sconfiggere il virus e a farci uscire dalla solitudine e dalle difficoltà della pandemia”.
“Bisogna cambiare modello di sviluppo e la chiave può essere il Recovery plan”: ne è convinto Maurizio Landini, chiedendo al presidente del Consiglio, Mario Draghi, di avviare subito un confronto per garantire che il piano di investimenti “che non ha precedenti nella nostra storia” crei occupazione, innanzitutto per giovani e donne.  
“Questa può essere l’occasione di cambiare, di tornare ad affermare che attraverso il lavoro le persone possono vivere dignitosamente”, ha detto in un’intervista a La Stampa, sottolineando la necessità di ripartire dai diritti, a un'occupazione stabile, allo studio, alla sanità, alla parità di genere, e di  superare le divisioni territoriali. "Per questo il Primo maggio dà un messaggio di speranza e di coraggio”, ha aggiunto.

Investimenti per creare lavoro

Per il leader della Cgil, gli investimenti "devono servire a creare lavoro e per questo abbiamo chiesto e vogliamo poter discutere di quanta occupazione crea ognuno dei progetti. Questo deve essere un vincolo: quanti giovani, quante donne e quanti posti di lavoro nel Mezzogiorno".
E se il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, afferma che grazie al Recovery plan si può recuperare il milione di posti di lavoro persi nell’ultimo anno e magari andare anche oltre, Landini crede sia “meglio non dare numeri”.
"Dico però che non solo dobbiamo realizzare bene questi investimenti, ma abbiamo anche bisogno che ripartano gli investimenti privati che in questi anni sono mancati, così come abbiamo pagato l’assenza di una politica industriale. Per questo vogliamo discutere quali filiere produttive si costruiscono nel nostro Paese sulla base di questi investimenti”.
© Foto : CGIL Terni, acciaierie Ast, il Primo maggio di Cgil, Cisl, Uil: "L’Italia Si Cura con il lavoro"
Terni, acciaierie Ast, il Primo maggio di Cgil, Cisl, Uil: L’Italia Si Cura con il lavoro - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Terni, acciaierie Ast, il Primo maggio di Cgil, Cisl, Uil: "L’Italia Si Cura con il lavoro"

"Pronti a discutere 24 ore su 24"

I sindacati chiedono quindi di essere ascoltati dal governo, "perché non si cambia il Paese senza o contro il mondo del lavoro", sollecitando anche “una mobilitazione sociale”.
"Il governo deve mettere in moto una mobilitazione vera del paese perché questo non è un piano che si può gestire dal centro con la bacchetta magica. Quanto a noi siamo pronti a discutere anche giorno e notte se serve, sette giorni su sette e 24 ore al giorno".

Landini a Terni

Il leader della Cgil ha celebrato all'Ast di Terni questo 1 maggio, dedicato "a chi un lavoro non ce l’ha, a chi l’ha perso in questo anno durissimo, a chi è in difficoltà", dicendo: "Basta lavoro precario, vogliamo un lavoro dignitoso”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала