Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Brescia, arrestati 2 No Vax per le molotov contro il centro vaccini

© Foto : © Agenzia Nova / Marco MinnaUna macchina dei carabinieri
Una macchina dei carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 01.05.2021
Seguici su
Lo scorso 3 aprile l'attacco con due bottiglie incendiarie contro la tensostruttura dell'hub vaccinale, definito dal presidente Attilio Fontana un gesto "assurdo e malavitoso".
L'attentato al centro vaccini di Brescia dello scorso 3 aprile è stato eseguito da due No Vax convinti adepti delle cosiddette teorie negazioniste del coronavirus. I carabinieri del Ros e comando provinciale dei Ros di Brescia hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per due uomini di 51 e 52 anni, gravemente indiziati per atti di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi e porto e detenzione di armi da guerra, ritenuti responsabili dell'attentato dell'hub in via Morelli. 
Dalle indagini è emersa l'adesione dei due indagati ai movimenti No Vax manifestata molto spesso sui social network. Uno dei due, il 51enne, risulterebbe già segnalato dai Ros come "orientato, dal punto di vista ideologico, verso le interpretazioni più violente ed oltranziste delle tematiche populiste, no vax ed anti-istituzionali, manifestate in particolare attraverso il web e i social networks".
L'altro, invece, risulta incensurato e mai convolto in attività eversiva, ma avrebbe mostrato una convinta adesione alle tesi negazioniste e anti-vaccino. La mattina dell'attentato aveva scritto sul suo profilo Facebook la frase "se vogliamo distruggere il nemico dobbiamo usare la stessa arma 'la paura' e la loro paura è la nostra unione. Non ci sono altre soluzioni".
Secondo gli inquirenti l'attentato è stato eseguito con l'obiettivo di sabotare la campagna di vaccinazione alimentando un clima di incertezza e intimidazione fra la popolazione nel particolare momento storico. Inoltre ipotizzano un piano nel breve termine per ulteriori azioni violente e di danneggiamento. 
Sono in corso ulteriori indagini e perquisizioni nei confronti di conoscenti degli indagati aderenti allo stesso movimento. 
 
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала