Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Risale lievemente l’indice di contagio nazionale a 0,85: era 0,81

© Foto : Aleksandar PizzulCovid 19 in Italia
Covid 19 in Italia - Sputnik Italia, 1920, 30.04.2021
Seguici su
L'Rt risale lievemente nell'ultima parte del mese di aprile, anche se i dati complessivamente migliorano in quasi tutta Italia, con qualche eccezione regionale.
L’Rt nazionale che contabilizza la contagiosità del coronavirus in Italia, è risalito a 0,85 rispetto alla rilevazione di 0,81 della scorsa settimana. Mentre l'incidenza scende a 146 contagiati ogni 100 mila abitanti.
L’Rt a 0,85 ci riporta quindi indietro di un paio di settimane, anche se l’incidenza a 146 è inferiore rispetto ai 152 casi ogni 100 mila abitanti della scorsa settimana.
Bambini a scuola - Sputnik Italia, 1920, 30.04.2021
Covid, l'appello dei pediatri: "Fateci vaccinare i bambini contro le altre malattie"
È quanto emerge dall'ultimo monitoraggio settimanale del ministero della Salute-Iss (Istituto superiore di sanità) sull'andamento dell'epidemia che riguarda il periodo 12-18 aprile, e che è stato reso pubblico venerdì 30 aprile.

Occupazione delle terapie intensive

Il tasso di occupazione delle terapie intensive scende come il resto dei numeri, ma nelle Regioni e Province autonome il tasso di occupazione in terapia intensiva e nelle aree mediche resta alta sopra la soglia critica. Sono 8 le regioni sopra soglia, contro le 12 della scorsa settimana.
A livello nazionale il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 30%, che rappresenta proprio il livello di soglia critica. Il tasso in aree mediche scende invece al 32% ed è sotto il livello di soglia critica del 40%.

Decisione sulle regioni

Francesco Paolo Figliuolo - Sputnik Italia, 1920, 30.04.2021
Covid Italia, Figliuolo: "Per luglio vaccinato il 60%", possibile 'no' alle classi di età

Quest’oggi si decide anche il passaggio delle regioni da una fascia colorata all’altra, e pare che non ci siano buone notizie per la Valle d’Aosta che potrebbe entrare in zona rossa in automatico, a causa dell’incidenza che ha superato quota 250 ogni 100 mila abitanti negli ultimi 7 giorni.

Il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha però inviato una lettera alla Cabina di regia per chiedere di tenere in considerazione anche altri fattori prima di decidere il passaggio della regione in zona rossa. La Valle d’Aosta era passata in arancione dalla rossa appena una settimana fa.
La Puglia spera invece in un passaggio in zona gialla da lunedì.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала