Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Galli e la variante indiana, ecco cosa ne pensa il virologo

 Massimo Galli - Sputnik Italia, 1920, 30.04.2021
Seguici su
Il professore Galli dice la sua sulla variante indiana e sull'esplosione di casi in India. Sul vaccino AstraZeneca, ecco il suo consiglio a chi deve fare la seconda dose.
Va cauto il professore Massimo Galli sugli effetti della variante indiana: “Non sappiamo ancora abbastanza cose sulla variante indiana, neanche sul fatto che possa o no bucare i vaccini attualmente disponibili”, ha detto citato da AskaNews.
“Qualche casa farmaceutica si è dichiarata ottimista, ma dati definitivi e ufficiali non ce li abbiamo. E’ verosimilmente molto diffusiva, forse più ancora della variante inglese, ma anche questo lo dobbiamo verificare in maniera più diretta e scientifica”.
A preoccupare il professor Galli è l’esplosione di contagi in India: “In India il primo di marzo c’erano 12mila casi di contagio da Sars-Cov-2 al giorno e il 25 aprile i casi erano 350mila”.
Anche se il sospetto è che i dati raccolti ufficialmente non siano mai corretti fino in fondo, e questo potrebbe spiegare “l’esplosione” improvvisa, frutto invece di un aumento costante nel tempo ma non contabilizzato.
Вид сверху на горящие погребальные костры во время массовой кремации в крематории в Нью-Дели, Индия - Sputnik Italia, 1920, 27.04.2021
La variante indiana ora fa paura: ecco perché è più contagiosa e come reagisce al vaccino
Anche l’infettivologo Galli non crede che la cerimonia sul Gange basti a giustificare una tale esplosione, nonostante quella cerimonia religiosa abbia ammassato centinaia di migliaia di persone in poco spazio: “Non credo basti quel singolo evento per giustificare una realtà esplosiva, ma ha aiutato” sicuramente.

Il consiglio di Galli sul vaccino AstraZeneca

Il vaccino AstraZeneca è stato progettato inizialmente per un’unica dose. Può valere la pena di andare a vedere quale sia stata la risposta anticorpale dopo la prima dose per orientare ulteriori strategie”, dice il professore, che aggiunge: “È importante e potrebbe dirimere molte questioni e angosce anche nelle persone”.
Quindi il consiglio ai più giovani che hanno paura di fare la seconda dose.
“Francamente dico a quelli più giovani che vale la pena di vedere quanti anticorpi hanno fatto, se dal test sierologico risultano buoni anticorpi anti-Rdb (Receptor Binding Domain) della proteina spike, possono non fare la seconda dose e ricontrollare gli anticorpi sei mesi dopo”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала