Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Svezia, PM afferma l'immunità di gregge non è "mai stata" la strategia del paese

© AP Photo / Ebrahim NorooziPrimo ministro svedese Stefan Lofven
Primo ministro svedese Stefan Lofven  - Sputnik Italia, 1920, 27.04.2021
Seguici su
Mentre la Svezia, una nazione di oltre 10 milioni di persone, si sta avvicinando al milione di casi di Covid-19, con quasi 14.000 morti, più del resto della Scandinavia messa insieme, le domande sull'approccio e la strategia del governo continuano a crescere, soprattutto se sia stata consapevolmente perseguita la cosiddetta immunità di gregge.
Durante un questionario di quasi quattro ore da parte della Commissione costituzionale del Parlamento sulla gestione della pandemia di coronavirus da parte del paese, il Primo ministro svedese Stefan Löfven ha fermamente negato che l'immunità di gregge sia stata parte della strategia del governo.
"Voglio respingere fermamente tutte le speculazioni che sento da molto tempo, secondo cui l'immunità di gregge faceva parte di qualsiasi strategia. Mai e poi mai", è stata la risposta di Stefan Löfven, secondo l'emittente nazionale SVT.
Stefan Löfven ha detto che, mentre il Governo ha avuto, e ha ancora, un focus strategico sulle misure contro il coronavirus, nessuna decisione formale del governo sulla strategia è mai stata presa.
"Il Governo ha scelto una direzione per come dovrebbe funzionare, tale necessità non deve essere espressa attraverso decisioni di Governo", ha detto Löfven.
Dimostranti in Austria nelle proteste contro le restrizioni per il Covid-19 - Sputnik Italia, 1920, 07.03.2021
Covid-19, proteste contro le restrizioni in Austria, Svezia e Svizzera - Video
Ha sottolineato che la direzione strategica perseguita finora è stata quella di limitare la diffusione delle infezioni, proteggere le vite e la salute delle persone e gestire l'assistenza sanitaria.
"Si è parlato di giudicare in base alla situazione quali misure siano le migliori in un dato momento. La conoscenza e la scienza comprovata sono state le linee guida", ha detto Löfven.
A Löfven è stato anche chiesto della posizione dell'Agenzia svedese per la sanità pubblica, compreso se all'Agenzia sia stato assegnato un ruolo fin troppo importante nell'affrontare la pandemia. Il premier ha risposto che si tratta di una "autorità di esperti" con "persone di spicco", suggerendo che sarebbe cattiva condotta non ascoltarli.
Löfven ha anche sottolineato che il Governo si assume la piena responsabilità della strategia svedese contro il Covid-19.

Messaggi discordanti

Nel corso dell'anno scorso, tuttavia, le autorità mediche svedesi e i politici a vari livelli hanno elaborato messaggi contrastanti sulla pandemia.
Lo stesso epidemiologo statale Anders Tegnell ha negato che la strategia della Svezia fosse l'immunità di gregge, ma ha suggerito che potesse essere l'unico modo per fermare la pandemia. Invece, ha descritto la strategia ufficiale della Svezia come "diffondendosi il più lentamente possibile, in modo che il sistema sanitario abbia il tempo di prendersi cura di tutti coloro che si ammalano".
In una conferenza stampa dello scorso anno, il medico per il controllo delle infezioni della contea di Norrbotten, Anders Nystedt, ha detto che l'immunità di gregge sarebbe stata raggiunta "con calma e tranquillità", avventurandosi sul fatto che tutti i Norrbotteners alla fine dovranno passare attraverso l'infezione. Allo stesso tempo, una pagina della sua presentazione diceva "Obiettivo => Immunità di gregge".
András Arató, un ingegnere elettrico e modello ungherese in pensione, meglio conosciuto per essere diventato un meme di Internet Hide the Pain Harold - Sputnik Italia, 1920, 02.04.2021
La Svezia usa la foto di un anziano per promuovere la vaccinazione, ma era un meme
Secondo il libro "The Herd" (Il gregge) dell'ex capo dell'unità di controllo delle infezioni del National Board of Health and Welfare, Peet Tüll, che contiene estratti dalla corrispondenza via e-mail, l'Agenzia svedese per la sanità pubblica ha inizialmente contemplato diversi approcci e ha scelto la strada per un'ipotetica immunità di gregge.
La prima alternativa fu la chiusura totale per quattro settimane. La seconda era rintracciare le infezioni su larga scala, trovare gli infetti e metterli in quarantena di due settimane. La terza opzione prevedeva "consentire la diffusione dell'infezione, lentamente o rapidamente, per ottenere un'ipotetica 'immunità di gregge'".
Tüll, per sua stessa ammissione, ha sostenuto la seconda opzione, e ha sottolineato che le tre alternative sembrano essere una strategia senza capo né coda. A questo, Anders Tegnell avrebbe risposto: "Sì, ma abbiamo attraversato questo e nonostante tutto siamo comunque arrivati a tre", ha riferito il quotidiano Aftonbladet.

Dure critiche

La gestione del coronavirus svedese ha ricevuto dure critiche, non solo perché ci è voluto così tanto tempo per iniziare i test di massa, ma anche per la mancanza iniziale di dispositivi di protezione nell'assistenza sanitaria e nell'assistenza agli anziani, che è stata successivamente rettificata. Il Governo è stato anche messo sotto tiro per non aver debitamente protetto gli anziani e aver permesso al virus di diffondersi nelle case di cura e di riposo, alzando il bilancio delle vittime.
Ad oggi, la Svezia, che ha evitato qualsiasi lockdown, rimane un'anomalia tra i suoi vicini, con più casi e decessi di Covid-19 rispetto al resto della Scandinavia messa insieme. La Svezia, una nazione di oltre 10 milioni di persone, si sta dirigendo verso un milione di casi di Covid-19, con quasi 14.000 morti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала