Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Crisanti sulla variante indiana, potrebbe sfuggire al vaccino

© REUTERS / AMIT DAVECovid-19 in India
Covid-19 in India - Sputnik Italia, 1920, 27.04.2021
Seguici su
Il professore Crisanti parla della variante indiana e dei due casi scoperti di recente in Italia. Questa è una variante molto contagiosa dice, e chiede che sia potenziato il monitoraggio delle varianti.
Il professore Andrea Crisanti accende un faro sulla presenza della variante indiana in Italia, che viene considerata ad “alto indice di contagiosità” dal direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova.
Nello specifico, secondo il professore Crisanti, “non sappiamo qual è il repertorio delle varianti in Italia, facciamo un test parziale, una volta ogni 15-20 giorni, su un campione molto limitato e su pezzi del virus estremamente limitati”. E chiede quindi che venga “cambiata la strategia”, intervistato da Sky Tg24.
“La nostra capacità di monitorare le varianti ha una sensibilità bassissima, il fatto che siano stati identificati già due casi di variante indiana è un campanello d’allarme importante, perché significa che probabilmente ce ne sono molti, molti di più”, afferma Crisanti.
Il suo consiglio da esperto è di fare decine di migliaia di sequenze, perché se su un campione così ampio “trovassimo due casi, potremmo dire che sono casi isolati” ma se troviamo due casi analizzando “poche centinaia” di tamponi, allora tutto cambia completamente.

Variante indiana potrebbe sfuggire al vaccino

Crisanti spiega che “la variante indiana genera un cluster molto ampio, quindi probabilmente ha un alto indice di contagiosità”. Non solo, “potrebbe sfuggire al vaccino”, teme.
Per questo crede che bene abbia fatto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a bloccare i voli in arrivo dall’India e chiunque abbia soggiornato in quel Paese nei 14 giorni precedenti.

Quindi un nuovo affondo sulle riaperture

Roberto Speranza, ministro della Salute - Sputnik Italia, 1920, 25.04.2021
Covid, Speranza: Ingresso in Italia vietato a chi è stato in India negli ultimi 14 giorni

Crisanti sposa una linea più prudente sulle riaperture, secondo la sua visione della pandemia in Italia, quello che è stato attuato “è un compromesso”, ma non l’approccio corretto.

Perché, spiega, “con un ulteriore mese (di chiusure, ndr) avremmo potuto far diminuire i casi, far diminuire la pressione sul sistema sanitario e creare un sistema di monitoraggio delle varianti, allora avremmo aperto con più sicurezza”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала