Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Superlega, interviene Ceferin dell’Uefa: ci saranno conseguenze per i 12 club

© Sputnik . Aleksey Danicev / Vai alla galleria fotograficaUEFA EURO 2020
UEFA EURO 2020 - Sputnik Italia, 1920, 22.04.2021
Seguici su
Uefa non subito pronta a perdonare i 12 club, sono previste conseguenze per il loro atteggiamento. Tuttavia non saranno trattate tutte allo stesso modo.
E dopo la bolla della Superlega il cui progetto si è presto infranto, ora arrivano le prime rigide prese di posizione delle autorità sportive.
Il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, intervistato da una emittente slovena, 24ur, ha usato parole a metà tra il bastone e la carota, come riporta La Repubblica.
“Ora ci aspettiamo che tutti si rendano conto del loro errore e ne subiscano le conseguenze”, ha affermato.
Tutti vogliono dialogare ora, ma Ceferin dice che prima del dialogo bisognerà “valutare quale sia la situazione per un determinato club e poi vedere come va a finire, ma prima devi dimostrare di avere una certa onestà per poterti aspettare un dialogo dall'altra parte”.
Parole che lasciano intendere che i 12 club non solo saranno puniti, ma che rischiano anche in modo diverso.
“Se qualche club vuole giocare nelle nostre competizioni, dovrà avvicinarsi a noi. Sicuramente terremo conto del fatto che i club inglesi hanno ammesso di aver sbagliato. Abbiamo dalla nostra 235 su 247 club, anzi, ora ne abbiamo 244. Sono tutti con noi. Ne parleremo la prossima settimana”.

I club sono mal gestiti ecco perché hanno perdite

Ceferin spiega che i club sono mal gestiti e allo stesso tempo pagano troppo i loro calciatori, questo il motivo che li spinge verso il baratro dei debiti, ed elogia la gestione del Bayern, che ha pure vinto la Champions League.
“I club hanno perdite, ma anche perché sono mal gestiti. Se paghi più del dovuto giocatori, giocatori inappropriati, e quindi non ottieni un risultato, significa una sconfitta. Il Bayern Monaco non ha perdite e ha vinto la Champions League”.

L’indiretta risposta di Antonio Conte

Il Commissario tecnico dell’Inter, Antonio Conte, è intervenuto sull’argomento Superlega affermando che l’Uefa non può pretendere di tenersi la gran parte dei proventi derivanti dai diritti sui match, se però non è lei a investire sulla squadra.
Per questo motivo l’Uefa deve cedere di più ai club calcistici, in termini di diritti.
Insomma, la partita è solo agli inizi e oltre i 90 minuti ci sono i recuperi e anche i tempi supplementari. La vicenda della Superlega potrebbe anche finire ai rigori, ad oltranza.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала