Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati descrivono stili alimentari potenzialmente mortali

© Fotolia / IvanmateevUna ragazza si appresta a mangiare dei pasticcini al cioccolato
Una ragazza si appresta a mangiare dei pasticcini al cioccolato - Sputnik Italia, 1920, 22.04.2021
Seguici su
Ricercatori britannici hanno analizzato la relazione di alcuni alimenti con il rischio di malattie cardiovascolari e morte prematura. L'elenco dei cibi mortali comprende cioccolatini ed altri dolci, burro e pane bianco, oltre a bevande zuccherate e caramelle. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista BMC Medicine.
Per studiare l'effetto della dieta sul rischio di malattie cardiovascolari e mortalità, i ricercatori dell'università di Oxford, insieme a colleghi australiani e cinesi, hanno analizzato i dati della biobanca britannica UK Biobank, uno studio di lungo periodo che ha esaminato il contributo della predisposizione genetica e l'esposizione ambientale, compresa l'alimentazione, allo sviluppo di determinate malattie.
Per l'analisi sono stati selezionati un totale di 116.806 adulti britannici di età compresa tra 37 e 73 anni, che per primi hanno preso parte allo studio nel periodo dal 2006 al 2010 e per i quali sono disponibili dati sulla registrazione dei ricoveri e dei decessi rispettivamente fino al 2017 e al 2020.
Gli autori hanno collegato l'incidenza di malattie e morte alla dieta dei partecipanti e hanno identificato due abitudini alimentari comuni che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e mortalità prematura. Una di queste è caratterizzata da una grande quantità di cioccolatini ed altri prodotti dolciari, burro e pane bianco con una piccola percentuale di frutta e verdura fresca. Il secondo è caratterizzato da un alto contenuto di bibite zuccherate, succhi di frutta e caramelle, cioccolatini, zucchero, burro e formaggio. 
Ragazza fa colazione a letto - Sputnik Italia, 1920, 20.04.2021
Saltare la colazione si può? La risposta del dietologo
Tra chi seguiva il primo stile alimentare in prevalenza erano uomini di età inferiore ai 60 anni, tra cui fumatori, non praticanti sport ed erano spesso obesi o ipertesi. Hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alle persone di età superiore a 60 anni che non sono in sovrappeso o obese e che mangiano cibi più sani.
Il secondo stile alimentare era seguito principalmente dalle donne. Nonostante il fatto che la maggior parte di loro non fumasse e fosse fisicamente attiva, molte di loro avevano alti livelli di colesterolo, sovrappeso, diabete e ipertensione.
"Le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte e disabilità nel Regno Unito, e la ragione principale è una dieta malsana, - sono le parole riportate su Springer Nature della responsabile dello studio Carmen Piernas, collaboratrice del dipartimento di assistenza sanitaria primaria dell'università di Oxford. - La maggior parte delle raccomandazioni dietetiche si basa sui nutrienti negli alimenti piuttosto che sugli alimenti stessi, questo può creare confusione alla gente. I nostri risultati aiutano a identificare cibi e bevande specifici che possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e mortalità".
Gli autori sperano che i loro risultati aiuteranno a sviluppare raccomandazioni dietetiche basate sul cibo che possano aiutare le persone a mangiare in modo più sano e ridurre il rischio di malattie cardiache.
Gli scienziati osservano inoltre che la natura osservativa del loro studio non consente di trarre conclusioni su una relazione causale tra dieta, malattie cardiovascolari e mortalità.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала