Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Derek Chauvin giudicato colpevole per la morte di George Floyd

© YouTube/CNBC TelevisionL'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin ascolta mentre la giuria conferma il verdetto nel caso dell'omicidio di George Floyd.
L'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin ascolta mentre la giuria conferma il verdetto nel caso dell'omicidio di George Floyd.  - Sputnik Italia, 1920, 21.04.2021
Seguici su
L'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin è stato accusato di omicidio involontario di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado per la morte del residente del Minnesota George Floyd il 25 maggio 2020. Chauvin è accusato di essersi inginocchiato sul collo di Floyd, che aveva detto di non poter respirare.
I giurati assegnati al processo Chauvin hanno dichiarato martedì che l'ex poliziotto era colpevole di tutte le accuse, portando a termine tre settimane di testimonianze di esperti e testimoni.
Accusato di omicidio di secondo grado, Chauvin rischia fino a 40'anni di carcere solo per questo reato. L'omicidio di terzo grado e l'omicidio colposo di secondo grado comportano pene detentive massime rispettivamente di 25 anni e 10 anni. Chauvin si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse.
Il giudice distrettuale della contea di Hennepin, Peter Cahill, ha anche revocato la cauzione di Chauvin, che è stato ammanettato e portato fuori dall'aula.
Il processo è iniziato alla fine di marzo dopo che il caso ha visto la sostituzione di due giurati dopo che un accordo da 27 milioni di dollari fu offerto alla famiglia di Floyd dalla città di Minneapolis, Minnesota. All'epoca, i giurati informarono il giudice Cahill che non potevano ignorare il pesante accordo e non erano sicuri che potessero essere imparziali una volta iniziato il processo.
L'omaggio della street art a George Floyd - Sputnik Italia, 1920, 29.03.2021
Giuria processo George Floyd: l'agente di polizia Derek Chauvin non ha "mollato e né si è alzato''
Cahill aveva precedentemente respinto gli sforzi della difesa per cambiare la sede del processo, ribadendo che non c'è parte dello Stato della Stella del Nord in cui i residenti non siano stati a conoscenza dei dettagli dell'arresto mortale.
La testimonianza durata settimane ha visto occasionalmente commenti emotivi da parte di un certo numero di testimoni e ripetute revisioni dei filmati che documentano l'arresto di Floyd il 25 maggio 2020. Alcuni dei momenti salienti del processo includono Chauvin che invoca il suo privilegio del Quinto Emendamento, e un testimone della difesa che suggerisce che l'avvelenamento da monossido di carbonio ha contribuito alla morte di Floyd, dal momento che il suo volto era vicino al tubo di scarico di un'auto della polizia mentre era bloccato a terra.
Tuttavia, il rapporto dell'autopsia di Floyd indica che è morto per "arresto cardiopolmonare, che ha complicato la sottomissione, il contenimento e la compressione del collo da parte delle forze dell'ordine". Durante il processo, diversi testimoni hanno affermato anche che Floyd è morto di asfissia, anche se non specificatamente menzionato nel rapporto del medico legale.

Argomenti di chiusura della difesa di Chauvin

Nelle discussioni finali di lunedì, l'avvocato difensore di Chauvin, Eric Nelson, ha ribadito ai membri della giuria che l'uso della forza da parte del suo cliente durante l'arresto era appropriato poiché aveva visto Floyd combattere con una coppia di ufficiali che avevano inizialmente risposto alla scena.
Nelson ha affermato che "lo Stato non ha rispettato il suo onere della prova oltre ogni ragionevole dubbio", sottolineando che i pubblici ministeri non hanno considerato la "totalità delle circostanze", come richiesto dalla legge.
"Lo Stato si è davvero concentrato sui 9 minuti e 29 secondi", ha detto Nelson, notando la quantità di tempo in cui Chauvin ha tenuto il ginocchio contro il collo di Floyd. "Non è l'analisi corretta, perché i 9 minuti e i 29 secondi ignorano i precedenti 16 minuti e 59 secondi" quando Floyd si è opposto ai comandi degli ufficiali.
"Vuol dire che in quel momento, a quel punto, nulla di quanto successo prima debba essere preso in considerazione da un ragionevole ufficiale di polizia", ha continuato l'avvocato difensore.
Nelson ha anche colto l'occasione per evidenziare la testimonianza del tenente Johnny Mercil della polizia di Minneapolis, affermando che l'allenatore ha riconosciuto che posizionare un ginocchio sul collo di un arrestato "può essere utilizzato in determinate circostanze" quando un individuo oppone particolare resistenza.
Mercil ha dichiarato, durante un esame incrociato, che la tecnica filmata di Chauvin non era un adeguato contenimento del collo, sottolineando che "diciamo agli ufficiali di stare lontani dal collo quando possibile, e se hanno intenzione di usare il peso corporeo per bloccare qualcuno, di metterlo sulla loro spalla e fare attenzione alla propria posizione".

"Questa non è polizia, questo è stato un omicidio", ha detto l'accusa prima della deliberazione

Nei suoi ultimi commenti prima che i giurati iniziassero le loro deliberazioni, il procuratore del Minnesota Steve Schleicher ha sostenuto che Chauvin avrebbe dovuto essere condannato per la morte di Floyd, sottolineando che l'ex ufficiale ha agito crudelmente e con un'indifferenza inadatta a un poliziotto.
"Immaginare un agente di polizia che commette un crimine potrebbe essere la cosa più difficile da ignorare, perché non è così che ci immaginiamo gli agenti di polizia", ha detto Schleicher. "Quello che l'imputato ha fatto non è stato comportarsi da poliziotto. Quello che l'imputato ha fatto è stata un'aggressione".
In seguito ha notato che il caso "è esattamente quello che si pensa la prima volta, quando si vede quel video", aggiungendo "questo non è fare i poliziotti, questo è stato un omicidio", e che "non ci sono scuse" per il comportamento di Chauvin durante l'arresto fatale.
L'omaggio della street art a George Floyd a Los Angeles  - Sputnik Italia, 1920, 12.03.2021
Città di Minneapolis disposta a pagare 27 milioni $ di risarcimento a famiglia di George Floyd
Schleicher ha fatto riferimento al periodo di tempo in cui Chauvin ha tenuto il ginocchio sul collo di Floyd per un totale di 22 volte durante le sue discussioni finali. Il pubblico ministero ha usato il tempo a propria disposizione per riassumere le prove dell'accusa, sostenendo che Chauvin alla fine ha ucciso Floyd di proposito, scegliendo "l'orgoglio al dovere da poliziotto".
Tuttavia, Schleicher ha aggiunto che il processo non era affatto un "perseguimento della polizia". Ha detto all'aula che "non c'è niente di peggio per una buona polizia di un cattivo ufficiale che non segue le regole, che non segue la procedura, che non segue l'addestramento, che ignora le politiche del dipartimento".
Più tardi, durante la confutazione dell'accusa alle argomentazioni conclusive della difesa, il procuratore Jerry Blackwell si è rivolto alle osservazioni di Nelson che Floyd è deceduto a causa di malattie cardiache e uso illegale di droghe invece che per mano di Chauvin.
"Vi è stato detto che Floyd è morto perché il suo cuore era troppo grande", ha detto Blackwell. "La verità è che il motivo per cui George Floyd è morto è perché il cuore del signor Chauvin era troppo piccolo."
Altri imputati legati alla morte di Floyd includono J. Alexander Kueng, Thomas Lane e Tou Thao, tutti accusati di favoreggiamento e omicidio colposo. I tre ex ufficiali dovrebbero essere processati ad agosto.
© AP Photo / Hennepin County Sheriff's OfficeFoto dall'ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin, Minnesota, mostrano, da sinistra, Derek Chauvin, J. Alexander Kueng, Thomas Lane e Tou Thao. Chauvin è accusato di omicidio di secondo grado di George Floyd, un uomo di colore morto dopo essere stato trattenuto da lui e dagli altri agenti di polizia di Minneapolis il 25 maggio. Kueng, Lane e Thao sono stati accusati di aver aiutato e favorito Chauvin. Mercoledì 3 giugno 2020
Foto dall'ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin, Minnesota, mostrano, da sinistra, Derek Chauvin, J. Alexander Kueng, Thomas Lane e Tou Thao. Chauvin è accusato di omicidio di secondo grado di George Floyd, un uomo di colore morto dopo essere stato trattenuto da lui e dagli altri agenti di polizia di Minneapolis il 25 maggio. Kueng, Lane e Thao sono stati accusati di aver aiutato e favorito Chauvin.  Mercoledì 3 giugno 2020  - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Foto dall'ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin, Minnesota, mostrano, da sinistra, Derek Chauvin, J. Alexander Kueng, Thomas Lane e Tou Thao. Chauvin è accusato di omicidio di secondo grado di George Floyd, un uomo di colore morto dopo essere stato trattenuto da lui e dagli altri agenti di polizia di Minneapolis il 25 maggio. Kueng, Lane e Thao sono stati accusati di aver aiutato e favorito Chauvin. Mercoledì 3 giugno 2020
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала