Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

COVID, tra le 10 pandemie più letali della storia

CC0 / / Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles
Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles - Sputnik Italia, 1920, 21.04.2021
Seguici su
Al giorno d'oggi, nel mondo si contano oltre 141 milioni di casi e 3 milioni di morti, mettendo la pandemia di Covid -19 tra le più letali della storia dell'umanità.
Secondo i dati riportati dalla World Health Organisation, nel mondo si contano in data odierna141,754,944 di casi confermati di infezioni da coronavirus SARS-CoV-2, 3,025,835 decessi e 843,158,196 di dosi di vaccini somministrate.
Tuttavia, secondo gli esperti, i numeri sarebbero ben più alti e le ragioni sono due: la prima è legata alla natura spesso asintomatica o paucisintomatica (con sintomi lievi) della malattia, permettendo così a molti casi di infezioni di non essere rilevati e quindi aggiunti al conteggio; il secondo motivo si lega a un significativo aumento della mortalità osservato in molti paesi, superiore a quella dei casi Covid certificati, portando alla "copertura" di decessi riconducibili alla malattia.
Gli esperti stimano che questi numeri continueranno a salire finché non si sarà raggiunta la cosiddetta 'immunità di gregge' aiutata dalla campagna di vaccinazione, che permetterà di rendere il patogeno del virus endemico, ovvero presente a lungo, o in forma ricorrente, in piccole zone, con un comportamento prevedibile e sintomi lievi o quantomeno non gravi come quelli osservati finora.
I numeri 'raccolti' dal Covid-19 lo fanno rientrare nella classifica delle 10 pandemie più letali avvenute nella storia dell'uomo. Tuttavia, sebbene si tratti di una crisi sanitaria, sociale ed economica, è ben lontana da altre piaghe rilevate nel corso della storia.
La peste nera - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
La peste nera
Tra le peggiori in assoluto, la pandemia di vaiolo che uccise tra le 300 e le 500 milioni di persone solo nel XX secolo, prima di essere debellata grazie al vaccino. Segue anche la "Peste Nera" del Medioevo, una pandemia di peste bubbonica che nel giro di sette anni si stima uccise fino a 200 milioni di persone, compreso un terzo della popolazione europea. Nel 1855 un'altra pandemia di peste bubbonica, chiamata la "Terza Piaga", partita dallo Yunnan, Sud della Cina, costò la vita a 12-15 milioni di persone, soprattutto in India.
Particolarmente devastante è stata anche l'influenza spagnola dopo la Prima Guerra Mondiale, che strappò la vita a 50 milioni di persone, sebbene i numeri possano arrivare fino a 100 milioni di morti in tutto il mondo secondo alcune stime. 
Skull - Sputnik Italia, 1920, 09.01.2021
Il crollo della popolazione nell'antica Siberia potrebbe essere causato dalla peste - Studio
L'influenzale asiatica del 1957-59 nel Guizhou, nel Sud della Cina provocò tra il milione e i 4 milioni di morti in tutto il mondo che, insieme all'influenza di Hong Kong, diffusasi tra il 1968 e il 1969, è stata provocata dal ceppo H2N2 di un virus dell'influenza A (conosciuto come aviaria).
La pandemia del coronavirus SARS-CoV-2 ha come ceppo l'influenza A H1N1 del 2009, la cosiddetta "suina", che in base ai dati dell'OMS avrebbe ucciso fino a 400mila persone in tutto il mondo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала