Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Superlega, Infantino: "FIFA contraria, chi vuole andare ne pagherà le conseguenze"

© AP PhotoLogo FIFA
Logo FIFA - Sputnik Italia, 1920, 20.04.2021
Seguici su
Il presidente della FIFA ha annunciato la disapprovazione della federazione calcistica nei confronti della recentemente istituita Super League, che raggruppa 12 delle maggiori squadre di calcio europee.
Il presidente della Fifa Gianni Infantino ha parlato al Congresso UEFA a Montreux in Svizzera sull'attuale tema della creazione della Super Lega calcistica che ha unito 12 delle più rinomate squadre europee - United, City, Arsenal, Liverpool, Tottenham, Chelsea, Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid, Juventus, Inter e Milan.
Infantino ha chiaramente indicato la posizione della FIFA: "Possiamo soltanto disapprovare la Superlega: è un negozio chiuso, una fuga dalle attuali istituzioni, dalle leghe e dalle associazioni. È fuori dal sistema. Non c’è alcun dubbio sulla disapprovazione della FIFA".
Principe William - Sputnik Italia, 1920, 20.04.2021
La Superlega potrebbe "danneggiare il gioco che amiamo" - il principe William condanna l'iniziativa
L'incontro in Svizzera era volto ad affrontare diverse tematiche, tra le quali la nuova riforma del sistema dei trasferimenti, la lotta contro il matchfixing, il protocollo Back to Football, il calendario internazionale e della coppa del mondo femminile, ma il presidente ha dovuto concentrarsi sulla situazione di critiche creatasi attorno alla questione della Super Lega.
Infantini si è detto a pieno sostegno della UEFA e al calcio europeo, puntando il dito contro la Super Lega e criticandola per aver fatto scaturire nel mondo degli appassionati parole come 'guerra' e 'crimine' che, stando alle parole del presidente, non sono termini che dovrebbero essere associati allo sport e al calcio, in quanto"dovrebbero dare gioia a tutti".
"Se alcuni scelgono di andare per la loro strada, devono accettarne le conseguenze. Concretamente, questo vuol dire che o sei dentro o sei fuori. Non puoi essere a metà", ha continuato Infantini. "Bisogna rispettare le istituzioni, la FIFA, la UEFA, la storia, la passione di così tante persone in tutto il mondo".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала