Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Riapertura scuole 26 aprile ma Regioni e sindacati perplessi e chiedono chiarimenti al Governo

© Sputnik . Evgeny UtkinScuola media Aldo Moro
Scuola media Aldo Moro - Sputnik Italia, 1920, 20.04.2021
Seguici su
Scuola al 100% in presenza dal 26 di aprile, ma le Regioni ed anche i sindacati, hanno delle perplessità che manifesteranno oggi al governo durante incontri separati.
Dal prossimo 26 di aprile le scuole italiane saranno riaperte, ma le Regioni e i sindacati della scuola non sono convinti su alcune scelte del Governo.
Per questo motivo si svolgerà un incontro tra le parti nella giornata di oggi, alle ore 17.00, ovvero la stessa ora in cui è prevista anche la riunione del Cts.
Ieri il presidente della Regione Friuli e nuovo presidente della Conferenza Stato-Regioni, Massimiliano Fedriga, aveva annunciato a Rainews24 la riunione e detto che da parte delle Regioni c’è massima disponibilità, tuttavia “bisogna avere la consapevolezza che limiti fisici come la disponibilità dei mezzi non si possono superare”.
Il direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute Giovanni Rezza - Sputnik Italia, 1920, 18.04.2021
Covid-19, Rezza (Cts): "Riaprire è un rischio, ma pronti ad intervenire"
Il nodo resta quindi quello dei trasporti pubblici, mancano i mezzi di trasporto sufficienti a coprire le esigenze dei territori.

Incontro con i sindacati al Ministero dell’Istruzione

Al Ministero dell’Istruzione è previsto un incontro tra i sindacati di categoria e il capo gabinetto, Luigi Fiorentino, per parlare della riapertura delle scuole del 26 di aprile con il 100% in presenza e anche degli esami.
I sindacati chiedono rassicurazioni per quanto riguarda il protocollo di sicurezza per gli esami di giugno e conoscere meglio i provvedimenti messi in campo per la grande riapertura del 26 aprile.
I sindacati affermano che i problemi non sono stati risolti, e che le aule restano sovraffollate, il trasporto pubblico locale resta insufficiente, e le mascherine di comunità non sono adeguate contro le varianti, quindi si chiedono le mascherine Ffp2. Infine la campagna di vaccinazione dei docenti sospesa per via dei problemi con il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала