Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Non fa male": il presidente messicano si vaccina con AstraZeneca - Video

© AP Photo / Eduardo VerdugoAndrés Manuel López Obrador
Andrés Manuel López Obrador  - Sputnik Italia, 1920, 20.04.2021
Seguici su
Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, si è vaccinato martedì 20 aprile con il vaccino Covid-19 di AstraZeneca presso il Palazzo Nazionale, durante la sua tradizionale conferenza stampa mattutina.
"Vado a vaccinarmi perché voglio fare un invito, un appello a tutti gli anziani, a quelli che stanno finendo le vaccinazioni per le precauzioni che hanno; dite loro che siamo sicuri che non ci sono rischi, no pericolo, non ci sono reazioni gravi, stiamo dando seguito a tutti gli studi che esistono nel mondo, ecco perché ci vaccineremo, ci proteggeremo", ha detto prima che la dose gli fosse inoculata.
Il personale sanitario di Città del Messico è giunto al Palazzo Nazionale prima che il presidente iniziasse la sua attività mattutina, verso le 6:45.
Il tenente infermiere, Melina Vega, era incaricata di porre le domande mediche di routine al presidente. López Obrador ha risposto negativamente alle domande sui disturbi legati ai farmaci o alle trasfusioni di sangue.
​“È nervoso, presidente?”, gli hanno chiesto i giornalisti.
"Molto calmo, testa fredda, cuore caldo", ha risposto.
Dopo aver ricevuto la dose, gli è stata consegnata la sua scheda di vaccinazione che certifica che il presidente messicano è stato immunizzato contro il coronavirus.
"Non fa male, aiuta molto, ci protegge tutti", ha detto.
Tuttavia, López Obrador ha aggiunto che ogni messicano è libero di decidere se vuole essere vaccinato o meno.
"Niente si fa per forza, tutto è per ragione e diritto, noi siamo liberi e dobbiamo esercitare la nostra libertà fino in fondo, e convincere, e persuadere, se decidono di non sottoporsi al vaccino sono liberi, è tra i loro diritti. Tuttavia, abbiamo l'obbligo di informare che dobbiamo proteggerci dalla pandemia”, ha sottolineato.
Il vaccino AstraZeneca è stato indicato da alcuni paesi come rischioso poiché in alcuni pazienti sotto i 60 anni si sono verificati coaguli di sangue, tuttavia, il governo messicano ha indicato di non avere studi conclusivi che ne mettano in dubbio l'efficacia complessiva.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала