Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Repubblica Ceca ha cercato di nascondere informazioni su colpo di Stato in Bielorussia - Zakharova

© Sputnik . Evgenya Novozhenina / Vai alla galleria fotograficaMaria Zakharova
Maria Zakharova - Sputnik Italia, 1920, 19.04.2021
Seguici su
Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo, le recenti notizie dell'espulsione di diplomatici russi dalla Repubblica Ceca sarebbero state un escamotage per nascondere informazioni su un possibile colpo di stato contro il Presidente bielorusso.
La notizia dell'espulsione di diplomatici russi dalla Repubblica Ceca avrebbe dovuto coprire nel campo informativo i messaggi sulla divulgazione dei piani per un colpo di stato in preparazione in Bielorussia, ha detto la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.
"C'è la sensazione assoluta - ed è supportata da materiale fattuale - che nel campo delle informazioni, principalmente in quello occidentale, i nostri partner occidentali abbiano agito in questo modo per coprire l'importanza e l'attualità delle informazioni pubblicate sia dalla Federazione Russa sia dalla Repubblica di Bielorussia riguardo un piano per un colpo di stato costituzionale (in Bielorussia)", ha detto Zakharova sul canale televisivo Russia-1, rispondendo alla domanda del conduttore se tale comportamento potesse essere definito un' "operazione di copertura" quando un'ora dopo la divulgazione del piano del colpo di stato in Bielorussia "fu fatta da Praga".
La diplomatica ha aggiunto di essere d'accordo con gli esperti che hanno visto queste relazioni, e ha specificato che le autorità ceche erano consapevoli delle conseguenze di tali azioni.
"Non potevano non capire quale sarebbe stata la reazione, perché le loro azioni sono caricature. Perché hanno fatto così? Perché era necessario a tutti i costi distogliere l'attenzione dalle informazioni fattuali. Tutto ciò che è stato pubblicato attraverso le autorità competenti russe, le strutture pertinenti della Bielorussia e le dichiarazioni del suo Presidente - questa parte si basava sui fatti. Doveva essere nascosta", ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo.
Il 17 aprile, il Presidente bielorusso Aleksander Lukashenko ha annunciato la detenzione di un gruppo di persone che stavano preparando un attentato contro di lui e i suoi figli. Secondo il Presidente della Repubblica, i servizi speciali statunitensi sono coinvolti in questo. Secondo il capo del KGB della Bielorussia Ivan Tertel, i membri del gruppo scoperto stavano pianificando e iniziando ad attuare un piano per eliminare fisicamente Lukashenko e i suoi familiari, organizzando una ribellione armata per prendere il potere. Allo stesso tempo, il gruppo comprendeva sia cittadini bielorussi che stranieri.
© AP Photo / Andrei Stasevich / BelTA Pool PhotoAleksander Lukashenko
Aleksander Lukashenko  - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Aleksander Lukashenko
Come riportato dal Center for Public Relations dell'FSB, a Mosca, in particolare, sono stati arrestati l'avvocato bielorusso-americano Yuri Zenkovic e il politologo bielorusso Alexander Feduta, che stavano pianificando un colpo di stato militare il 9 maggio a Minsk. Secondo il KGB bielorusso, anche il leader del partito dell'opposizione Grigory Kostusev era un membro del gruppo, ed è stato detenuto nel territorio della repubblica.
Lo stesso giorno, il Primo ministro ceco Andrej Babis ha detto che le autorità sospettano che i servizi speciali russi possano essere coinvolti nell'esplosione del deposito di munizioni nel villaggio di Vrbetice nel 2014. Il capo del ministero degli Esteri ceco Jan Gamachek ha detto che 18 diplomatici russi saranno espulsi dal paese, dovranno lasciare il paese entro 48 ore e la polizia ceca ha annunciato la ricerca dei cittadini russi Alexander Petrov e Ruslan Boshirov.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала