Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid-19, Speranza: "Dossier ritirato su scelta dell'Oms, non del governo"

© AFP 2021 / Kenzo TribouillardRoberto Speranza, ministro della Salute
Roberto Speranza, ministro della Salute - Sputnik Italia, 1920, 18.04.2021
Seguici su
Ospite alla trasmissione Mezz'ora in più di Lucia Annunziata, il ministro della Salute commenta alcune anticipazioni di Report sul dossier Oms sul piano pandemico.
Non fu il governo a chiedere il ritiro del dossier Oms, ma fu la stessa Organizzazione mondiale della sanità a deciderlo. Così ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza a Mezz'ora in più su Rai 3. 
"Le scelte fatte sul dossier dell’Oms sono state fatte dall’Oms stessa e non dal governo italiano", ha detto commentando un'anticipazione di Report relativa ad una mail inviata il 14 maggio al ministro della Salute da Ranieri Guerra, per annunciare l'uscita del dossier critico il giorno stesso in cui venne ritirato. "Quella mail ci informava che era stato pubblicato quel report e ci riportava un dibattito legittimo all’interno dell’Oms, quelle scelte sono state tutte dell’Oms, ha spiegato Speranza.
Il ministro si dice sicuro che la magistratura "dimostrerà la correttezza delle istituzioni. Le scelte fatte non riguardano il governo italiano", ha sottolineato. 
Sul fatto che il piano pandemico non fosse aggiornato, Speranza ha precisato che "risaliva al 2006 ed era sempre stato considerato adatto perché era antinfluenzale, non anti-Covid. I nostri tecnici dopo hanno attivato un piano Covid. Quel documento era una fotografia numerica con dei giudizi legittimi, dove ci sono anche giudizi lusinghieri", precisa.

Campagna di vaccinazione 

Parlando della campagna di vaccinazione, il ministro della Salute ha detto che "in questa fase dobbiamo tenere insieme due parole: fiducia e prudenza".
"Siamo entrati in una fase diversa grazie alla campagna vaccinale - ha aggiunto - sono stati somministrati in 3 giorni un milione di dosi di vaccino, raggiunta quota di 15 milioni totali".
Speranza si è soffermato a parlare delle riaperture e di una road map per far ripartire il paese da costruire "un passo alla volta", con "un compromesso" e un "equilibrio". 
"Non ci sarà una fase X in cui tutte le misure scompariranno", ha puntualizzato.
In Italia sono stati somministrati 14.998.378 dosi di vaccino anti-Covid su 17.323.080 dosi consegnate dall'inizio della campagna di vaccinazione, secondo quanto riporta Aifa.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала