Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Processo a Salvini: Letta si scusa per la foto con la felpa dell’ong Open Arms

© AP Photo / Riccardo De Luca / Hassene DridiIl leader del PD, Enrico Letta e il segretario leghista Matteo Salvini
Il leader del PD, Enrico Letta e il segretario leghista Matteo Salvini - Sputnik Italia, 1920, 16.04.2021
Seguici su
Il leader della Lega ha detto che Letta "si è scusato" via WhatsApp. Salvini domani in aula a Palermo per il processo sui ritardi nello sbarco di 147 migranti soccorsi dall’ong spagnola nell’agosto del 2019.
Ieri il segretario del Pd, Enrico Letta, aveva riferito dall’incontro avuto con il fondatore di Open Arms, Oscar Camps, pubblicando sui propri profili social una foto che lo ritraeva con indosso la felpa dell’ong.
Immediata la critica, via social, di Matteo Salvini, che aveva ricordato di essere a processo a Palermo “proprio per uno (degli innumerevoli) sbarchi organizzati dagli spagnoli di Open Arms”.

Le scuse di Letta​

Oggi parlando alla stampa dopo una visita a un centro vaccinale di Milano, Salvini è tornato sulla vicenda: "Un segretario di un partito che è al governo con me, che a 48 ore da un processo che mi fa rischiare il rinvio a giudizio, si mette la felpa dell'organizzazione che mi vuole portare in galera, buona educazione non è”.
"Ho avuto modo di scriverlo a Letta, via WhatsApp, e lui si è scusato via WhatsApp, però certe cose se le pensi prima di farle è meglio. Comunque non penso che il giudice deciderà in base alle felpe di Letta”, ha aggiunto.
L’incontro era stato criticato anche dalla leader di Fratelli D’Italia, Giorgia Meloni:

Il processo a Palermo

Sabato 17 aprile è in agenda una nuova udienza a Palermo dopo che il mese scorso il capo della Procura, Francesco Lo Voi, ha chiesto il rinvio a giudizio per Salvini per il caso Open Arms.

Il processo a Catania 

La scorsa settimana, il pm di Catania, Andrea Bonomo, ha chiesto il non luogo a procedere contro Salvini per il ritardo dello sbarco dei 131 migranti a bordo della nave Gregoretti, nel luglio del 2019, dichiarando che "non fu sequestro di persona".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала