Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'Ue potrebbe non rinnovare contratti con AstraZeneca per il 2022 - Ministro industria francese

© AP Photo / Thomas CoexIl vaccino AstraZeneca
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 16.04.2021
Seguici su
L'estensione del contratto tra Bruxelles e AstraZeneca oltre il 2021 sembrerebbe essere in dubbio.
È possibile che l'Unione europea decida di non rinnovare i suoi contratti per i vaccini contro anti-Covid con il gruppo farmaceutico AstraZeneca alla fine del 2021. A rivelarlo è il ministro dell'Industria francese, Agnès Pannier-Runacher:
"La decisione non è chiara. Ma è la più grande probabilità", ha detto il ministro alla radio RMC venerdì mattina.
Nel suo entourage si precisa che la questione europea da risolvere non è in alcun modo legata alla recente decisione della Danimarca di sospendere l'uso del vaccino di AstraZeneca.
"La domanda che ci si pone è se rinegoziare o meno i contratti firmati nel 2020 e che scadranno il 31 dicembre 2021 ", ha detto ad AFP un membro del gabinetto ministeriale.

L'accordo con AstraZeneca

Il contratto esistente, valido per l'intero anno 2021, copre l'Unione Europea con un ordine per 300 milioni di dosi di AstraZeneca e un'opzione su 100 milioni di dosi aggiuntive, ha ricordato l'ufficio del ministro.
"Non abbiamo avviato discussioni con Johnson & Johnson e con AstraZeneca per un nuovo contratto, mentre abbiamo già avviato discussioni con Pfizer/BioNTech e Moderna", ha aggiunto ancora Pannier-Runacher alla radio.
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 15.04.2021
AstraZeneca, Di Lorenzo (Irbm): "Ema tirata per la giacchetta, il vaccino è sicuro, fidatevi"
La funzionaria ha quindi chiarito che l'Ue ha a disposizione un "portafoglio di vaccini con RNA messaggero che funziona molto bene e ha pochi effetti collaterali", aggiungendo che a tali preparati se ne aggiungeranno degli altri nella seconda metà dell'anno.
Questa settimana il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha sostenuto questa settimana che Pfizer-BioNTech si era "dimostrato un partner affidabile, che ha onorato i suoi impegni ed è reattivo alle nostre esigenze", contrariamente ai problemi di consegna di AstraZeneca, sviluppato con l'Università di Oxford.
 
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала