Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'arricchimento del 60% di uranio iniziato nello stabilimento di Natanz, capo nucleare iraniano

© AP Photo / Atomic Energy Organization of IranMacchine centrifughe nell'impianto di arricchimento di uranio di Natanz
Macchine centrifughe nell'impianto di arricchimento di uranio di Natanz - Sputnik Italia, 1920, 16.04.2021
Seguici su
Teheran ha annunciato all'inizio di questo mese che avrebbe incrementato il suo arricchimento di uranio nonostante un blackout alla centrale nucleare di Natanz che la Repubblica islamica ha attribuito a Israele.
Il presidente del parlamento iraniano, Mohammad Bagher Ghalibaf, ha annunciato questo venerdì che la nazione è riuscita nei suoi piani per l'arricchimento dell'uranio.
"Annuncio con orgoglio che gli scienziati iraniani sono riusciti a produrre uranio arricchito al 60 per cento", ha scritto su Twitter Ghalibaf.
Allo stesso tempo, il capo dell'Organizzazione per l'Energia Atomica dell'Iran, Ali Akbar Salehi, ha confermato che l'operazione è "in corso presso l'impianto nucleare Martire Ahmadi Roshan" di Natanz.
L'Iran è riuscito a potenziare il suo programma utilizzando le centrifughe IR-4 e IR-6, che sono molto più performanti delle centrifughe IR-1 di prima generazione, consentite dall'accordo nucleare del 2015.
Ieri il presidente iraniano Rouhani ha assicurato che il suo Paese non utilizzerà l'uranio arricchito per la creazione di armi nucleari.

Le preoccupazioni sul programma nucleare iraniano

In this photo released by the official website of the office of the Iranian Presidency, President Hassan Rouhani attends a meeting in Tehran, Iran, Thursday, Jan. 7, 2021 - Sputnik Italia, 1920, 15.04.2021
Nucleare iraniano, Rouhani: "Possiamo già arricchire l'uranio fino al 90%, ma non per creare armi"
Le intenzioni di Teheran, precedentemente annunciate dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), hanno suscitato preoccupazioni internazionali, con l'UE che ha definito i piani iraniani "estremamente preoccupanti dal punto di vista della non proliferazione nucleare".
Le organizzazioni nucleari internazionali considerano l'uranio di qualità per armi se viene arricchito fino a un livello del 20% o più, mentre il 90% è necessario per la produzione di armi nucleari.

La sospensione degli obblighi del PACG

L'Iran ha iniziato a sospendere i suoi obblighi fissati nel Piano d'azione globale congiunto (PACG) nel 2019, esattamente un anno dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo e hanno reintrodotto le sanzioni economiche contro il paese mediorientale.
L'impianto di arricchimento dell'uranio di Natanz, Iran - Sputnik Italia, 1920, 14.04.2021
Iran esorta AIEA ad agire per prevenire incidenti come quello alla centrale nucleare di Natanz
Lo scorso dicembre, Teheran ha approvato una legge per aumentare il suo arricchimento di uranio e interrompere le ispezioni dell'AIEA dei suoi impianti nucleari in risposta all'uccisione del fisico nucleare Mohsen Fakhrizadeh, che gli iraniani hanno attribuito a Israele.
Gli Stati Uniti si sono detti pronti a ribaltare il ritiro di Trump dal PACG, ma hanno bisogno che l'Iran smetta prima di violare l'accordo, mentre la repubblica islamica ha sottolineato che Washington deve sospendere le sanzioni unilaterali prima che sia possibile trovare un'intesa duratura
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала