Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bourla (Pfizer): entro l’autunno il ritorno alla normalità, il Covid diventerà come un’influenza

© REUTERS / Ciro De LucaVaccinazione, gli operatori sanitari preparano dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 presso un centro di vaccinazione a Napoli
Vaccinazione, gli operatori sanitari preparano dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 presso un centro di vaccinazione a Napoli - Sputnik Italia, 1920, 16.04.2021
Seguici su
Il presidente e amministratore delegato di Pfizer rassicura sulle forniture dei vaccini e si dice pronto a consegnare all’Ue centinaia di milioni di dosi in più nei prossimi anni.
In un’intervista concessa a diversi media europei, tra cui il Corriere della Sera, Albert Bourla ritiene “realistico” un ritorno alla normalità in autunno, guardando a quanto accaduto in Israele, dove è stata vaccinata gran parte della popolazione.
“In Israele si vedono i veri effetti: quando vaccini una parte importante della popolazione, diventa possibile tornare quasi alla vita di prima”.

In un paio di mesi non ci saranno più problemi di forniture 

Francesco Paolo Figliuolo - Sputnik Italia, 1920, 15.04.2021
Covid, Figliuolo: in arrivo 7 mln di dosi Pfizer, a maggio supereremo i 500.000 vaccini al giorno
L’ad di Pfizer ha quindi rassicurato sulle forniture di vaccini, sottolineando che tutti i 27 Paesi dell’Unione europea “stanno ricevendo quanto richiesto".
"Le dosi arrivano con una precisione del 99,9%. Il problema è che l’Ue è grande e non tutti i fornitori sono riusciti a consegnare quanto promesso. Questo ha creato problemi. Ma ora stiamo tutti accelerando e credo che entro un paio di mesi non ci sarà più un problema di disponibilità”.
E nelle prossime settimane, ha aggiunto, saranno anche aumentate le forniture ai Paesi europei:
“In questo trimestre consegneremo oltre quattro volte di più di quanto abbiamo fatto nel primo trimestre: 250 milioni di dosi, dopo averne date 62 fino a marzo. E siamo in discussioni per fare di più”.  

Centinaia di milioni di dosi all'Ue nel 2022 e nel 2023

Bourla ha quindi annunciato che "Pfizer e BioNTech sono pronte a fornire all’Europa centinaia di milioni di dosi in più nel 2022 e 2023, fatte nella Ue”, confermando i negoziati in corso con la Commissione europea su contratti pluriennali e assicurando che "la nostra rete può produrre più di tre miliardi di dosi l’anno prossimo”.
Anche perché, a suo giudizio, "lo scenario più probabile è quello in cui arriviamo a una situazione endemica", ma che "sarà pienamente controllabile".
"Vogliamo essere dei partner nel lungo periodo delle autorità sanitarie di tutto il mondo nella lotta a questa pandemia”, ha rimarcato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала