Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA coordinano con l'Ue l'introduzione di nuove sanzioni antirusse - CNN

CC BY-SA 2.0 / Kent Wang / Russian embassyL'ambasciata russa a Washington, USA.
L'ambasciata russa a Washington, USA. - Sputnik Italia, 1920, 15.04.2021
Seguici su
Il corrispondente della Casa Bianca ha riferito in precedenza che l'amministrazione Biden stava pianificando di imporre sanzioni contro dozzine di individui ed enti russi per presunte interferenze nelle elezioni presidenziali del 2020 e hack di SolarWinds.
Gli Stati Uniti stanno coordinando nuove misure anti-russe con i loro alleati dell'Unione europea e si aspettano di farle entrare in vigore giovedì. Lo ha riferito una fonte alla CNN:
"Funzionari del Dipartimento di Stato hanno chiamato gli alleati degli Stati Uniti e si stanno preparando per potenziali reazioni russe", afferma l'emittente americana.
Secondo un precedente rapporto del corrispondente della Casa Bianca per Bloomberg News, Jordan Fabian, Washington starebbe pianificando di imporre sanzioni a 12 individui russi e 20 enti, oltre all'espulsione di 10 diplomatici dagli Stati Uniti in risposta alle accuse di interferenza elettorale.
La CNN ha precisato che i diplomatici in questione saranno espulsi da New York e Washington e avranno 30 giorni per lasciare il Paese.

Le accuse di interferenza elettorale

La scorsa settimana, Bloomberg ha riferito che l'amministrazione statunitense aveva completato un rapporto dell'intelligence sul presunto ruolo della Russia nella violazione e interferenza informatica di SolarWinds nelle elezioni presidenziali del 2020.
Hacker al lavoro - Sputnik Italia, 1920, 08.03.2021
NYT: USA preparano cyberattacchi contro la Russia per ritorsioni dopo SolarWinds
Secondo il rapporto, l'amministrazione stava prendendo in considerazione un'azione contro i diplomatici russi, comprese le sanzioni contro persone vicine al presidente russo Vladimir Putin e le agenzie legate alle accuse di interferenza elettorale.
A metà marzo, l'intelligence americana ha pubblicato un nuovo rapporto, affermando che Putin ha autorizzato le "operazioni di influenza" del governo russo per minare l'allora candidato democratico Biden durante le elezioni del 2020 e per esacerbare le divisioni politiche negli Stati Uniti. 

La risposta di Mosca

Il Cremlino ha qualificato il rapporto come "assolutamente infondato" e ha espresso la convinzione che questo fosse solo un pretesto per introdurre nuove restrizioni.
La Russia non ha interferito nel voto, non ha nulla a che fare con le campagne contro i candidati, ha sottolineato a più riprese il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, il quale ha anche osservato che la politica di sanzioni di Washington potrebbe aggravare ulteriormente le relazioni bilaterali.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала