Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Occupato il Globe Theatre di Roma: lavoratori dello spettacolo protestano

© Foto : Niva MirakyanSipario chiuso
Sipario chiuso - Sputnik Italia, 1920, 14.04.2021
Seguici su
Artisti e lavoratori del settore dello spettacolo teatrale chiedono attenzione al loro settore, chiedono continuità reddituale e dicono no a false ripartenze a scartamento ridotto.
Il mondo dello spettacolo occupa il Globe Theatre di Roma, una volta diretto dal compianto Gigi Proietti. Lo slogan scelto dalle artiste e dagli artisti è proprio una frase di Proietti:
“A me gli occhi, please”.
Proteste dei ristoratori a Roma, 13 aprile 2021 - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Ristoratori ancora in piazza: "Il governo ha sbagliato tutto, vogliamo una data certa per riaprire"
Uno slogan che vuole attirare l’attenzione su uno dei settori che ha pagato più degli altri le chiusure. Gli spettacoli teatrali e in piazza sono fermi da un anno.
I lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo chiedono maggiore attenzione, continuità di reddito e maggiore sostegno economico al loro settore.
Ed alla politica, i protagonisti dello spettacolo e dell’intrattenimento inviano anche un messaggio chiaro:
“Non vogliamo una riapertura senza sicurezza, che ci faccia ripiombare in un mondo del lavoro ancora più incerto e privo di garanzie. Riapriamo questo spazio a tutte le precarie, a tutti gli sfruttati, per riappropriarci di un tempo di confronto e autoformazione”, riporta Fanpage.
Gli occupanti il Globe Theatre di Roma ci tengono a sottolineare che tutto si sta svolgendo nel pieno rispetto delle disposizioni e che i partecipanti si sono sottoposti a tampone.

No a false ripartenze

NoTav - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Val Susa, NoTAV schierati contro operai del nuovo autoporto Sitaf
Quel che non si chiede sono le false ripartenze e le riaperture a platea ridotta, perché “troppi spazi piccoli e medi non riuscirebbero a riaprire in queste condizioni” e “troppi lavoratori continuerebbero a rimanere a casa senza reddito”.
E ricordano “la falsa ripartenza della scorsa estate”.
Chiedono quindi una “continuità di reddito e un’equa redistribuzione delle risorse”, ma chiedono anche “una riforma strutturale del settore che parta dalle necessità dei lavoratori”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала