Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lombardia, direttore Welfare: gente rifiuta AstraZeneca, situazione difficile

© Sputnik . Evgeny UtkinVista su Castello Sforzesco a Milano
Vista su Castello Sforzesco a Milano - Sputnik Italia, 1920, 14.04.2021
Seguici su
In Lombardia le vaccinazioni delle categorie a rischio procedono bene, ma il problema è la vaccinazione con il farmaco di AstraZeneca, i rifiuti stanno diventando un problema anche tra over 65.
Sull’accettazione del vaccino AstraZeneca interviene dalla Lombardia il direttore generale al Welfare Giovanni Pavesi, che rende conto della situazione nella Regione.
“Il tema di AstraZeneca è difficile, ho segnalazioni già oggi su dei centri vaccinali importanti dove la gente lo sta rifiutando” ed a rifiutarlo non ci sono solo gli under 60, ma anche persone più adulte.
“Sugli over 65 in lista per AstraZeneca che in sede di anamnesi dimostrano motivazioni cliniche sul fatto che non possano ricevere AstraZeneca, abbiamo possibilità di far loro Pfizer, se non ci sono motivazioni viene rifiutata la vaccinazione, li metteremo in coda”, afferma.
Secondo quanto Pavesi ha riferito durante l'audizione alla commissione regionale sanità, il fenomeno del rifiuto di AstraZeneca sta assumendo, da alcuni giorni, “dimensioni più importanti di quelle che possiamo pensare. Abbiamo una comunicazione da parte del ministero che indica preferibilmente l'utilizzo sopra i 65 anni e questo copre il rischio clinico e legale, bisogna ribadire che ci sono milioni di europei che si sono vaccinati con AstraZeneca senza rebound”.
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2021
Rita Dalla Chiesa dice no ad AstraZeneca, polemiche social

Come procede la campagna vaccinale in Lombardia

Per quanto riguarda “gli over 80 vaccinati sono 580 mila, 720 mila è tutta la popolazione lombarda over 80, di questa popolazione 616 mila avevano, attraverso il portale di Aria e dopo con Poste Italiane, chiesto di vaccinarsi”, dice Pavesi.
La platea degli over 80 da vaccinare è quasi completata “se si contano i 50-60 mila che stimiamo fossero nelle Rsa, siamo intorno a 630 mila vaccinati, dovremmo aver coperto quindi gli aderenti”.
Resta tuttavia una “fascia di over 80 che non ha aderito, che può comprendere chi non vuole vaccinarsi, chi era malato e non sapeva usare il sistema informatico e chi è allettato e non è trasportabile”.
Ora si lavora sul “fronte della vaccinazione domiciliare” che Pavesi considera “la partita più impegnativa”, perché serve il personale.
Così per arruolare il personale mancante, “abbiamo dismesso dei punti tampone gestiti dall'Esercito per potenziare figure mediche che vadano in domicilio, in un giorno una squadra a domicilio riesce a vaccinare una decina di cittadini”.
La fascia 70-79 anni ha aderito quasi tutta, con 716.861 prenotazioni sui 995 mila aventi diritto. I primi 61 mila hanno già ricevuto la prima somministrazione del vaccino, spiega il direttore del welfare lombardo Pavesi.

La precisazione dell'assessore al Welfare

"Le rinunce a vaccinarsi con AstraZeneca in Lombardia sono irrisorie, piuttosto sono in aumento considerevole le domande di approfondimento e di spiegazione sul vaccino", precisa l'assessore al Welfare, Letizia Moratti, smentendo le parole del direttore generale del suo assessorato, Giovanni Pavesi.
"Nessun 'allarme-rinunce' in Lombardia dunque per AstraZeneca perché ad oggi è meno del 5% dei cittadini che sarebbero vaccinati con questo siero a rifiutare effettivamente la somministrazione", aggiunge l'assessora Moratti, anche vicepresidente della Regione Lombardia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала