Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Val Susa, NoTAV schierati contro operai del nuovo autoporto Sitaf

© NoTavNoTav
NoTav - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Seguici su
NoTAV in azione per impedire la riqualificazione dell'ex-autoporto di San Didero, dove sorgerà il nuovo autoporto Sitaf, parte del collegamento internazionale Torino-Lione.
A San Didero, in Val Susa, la scorsa notte sono iniziati i lavori per la realizzazione del nuovo autoporto Sitaf che fa parte del grande progetto di collegamento internazionale Torino-Lione, nell’ambito dei progetti dei grandi collegamenti di trasporto all’interno dell’Unione Europea.
L’autoporto prenderà il posto di quello presente a Susa, che sparirà.
Ma i NoTav, appresa la notizia dei movimenti sul cantiere con l’arrivo degli operai e dei mezzi, si sono organizzati per raggiungere la statale 25 all’altezza di San Didero e provare ad ostacolare l’attività lavorativa degli operai.
Il tentativo dei NoTAV è fallito, dal momento che sul posto erano presenti anche agenti della Polizia di Stato in assetto anti-sommossa, i quali hanno respinto l’aggressione del centinaio di manifestanti che si sono radunati intorno al cantiere.
Questi ultimi hanno in seguito costruito una barricata a cui hanno dato fuoco per evitare che gli agenti potessero avanzare. Secondo le fonti i manifestanti avrebbero sparato anche fuochi d’artificio contro le forze dell’ordine.
NoTav - Sputnik Italia, 1920, 13.12.2020
Val Susa, attacco manifestanti No Tav a forze dell'ordine: due feriti
Alcuni manifestanti sono saliti sul tetto di alcune strutture abbandonate che si trovano in loco e sono rimasti lassù fino alle prime luci del giorno.
La Digos di Torino indaga per risalire ai volti e ai nomi dei dissidenti che hanno bloccato il lavoro degli operai che dovranno costruire il nuovo autoporto Sitaf.
Sul loro sito ufficiale i NoTAV hanno considerato l’inizio dei lavori “un’opera scellerata ed ecocida”.

L’autoporto di San Didero

L’autoporto coprirà una superficie di 68 mila metri quadri con spazio per il parcheggio dei tir, e con punti ristoro e un’area commerciale. Nell’area al momento sono presenti strutture in cemento abbandonate che facevano parte dell’ex-autoporto preesistente, e che in questo modo verrà quindi riqualificata.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала