Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Azerbaigian pronto a siglare accordo di pace per il Nagorno-Karabakh

© Sputnik . Alexey Druzhinin / Vai alla galleria fotograficaIl presidente azerbaigiano Ilham Aliyev
Il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Seguici su
Martedì il presidente azero Ilham Aliyev ha dichiarato di essere pronto a firmare un accordo di pace sulla regione del Nagorno-Karabakh, ma di non vedere alcuna mossa reciproca da parte di Yerevan.
"Ho già detto che siamo pronti a firmare un accordo di pace. Ma non vediamo passi reciproci da parte di Yerevan. Al contrario, le dichiarazioni del Primo ministro e le osservazioni aggressive del ministro degli Esteri mostrano il loro sentimento anti-azero e anti-turco", ha detto il presidente Aliyev in una conferenza sulla cooperazione post-conflitto.
Ilham Aliyev ha detto che Baku non ha piani militari al confine con l'Armenia.
"Mi è stato chiesto cosa succederà dopo che le forze di pace russe avranno lasciato la regione. Abbiamo confini con l'Armenia a Tovuz e Zenglian. Le nostre truppe di frontiera si trovano nelle immediate vicinanze del lato armeno. Ci sono incidenti? No, non ci sono. Non c'è un esercito armeno, anzi, è demoralizzato. Le nostre truppe sono a soli cinque metri di distanza da loro. Ma non abbiamo piani militari", ha detto Aliyev in una conferenza stampa sullo sviluppo post-conflitto.
Il leader azero ha espresso la propria preoccupazione per i piani dell'Armenia di modernizzare il suo esercito insieme alla Russia.
"Abbiamo spiegato la nostra posizione ai nostri partner russi. Per cosa è stato fatto?", Aliyev ha detto.
"Qualsiasi pensiero di vendetta sarà represso severamente", ha concluso il presidente.
Alla fine di settembre 2020, il conflitto decennale del Nagorno-Karabakh tra l'Armenia e l'Azerbaigian è ripreso, causando numerose vittime sia militari che civili. Le parti sono riuscite a raggiungere un accordo di cessate il fuoco all'inizio di novembre sotto la mediazione della Russia, le cui forze di pace sono state dispiegate nella zona di conflitto.
Le parti hanno anche accettato di scambiare prigionieri mentre l'Armenia cedeva diverse regioni all'Azerbaigian.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала