Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Genazzani (Ema): Immunità entro settembre se arrivano le dosi. J&J possibile richiamo

© REUTERS / JOHNSON & JOHNSONUna fiala del vaccino Janssen
Una fiala del vaccino Janssen - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Seguici su
Per il Johnson & Johnson non è detto che si somministri una sola dose, al momento sono in corso degli studi sulla durata. Per quanto riguarda l'immunità di gregge, settembre è data plausibile.
“Se AstraZeneca, Pfizer, Moderna e J&J riusciranno a mantenere le quote e le dosi che sostengono di poter produrre, credo che il piano del presidente del Consiglio Mario Draghi possa essere un successo.
I primi operatori sanitari vaccinati allo Spallanzani - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Roma, test seconda dose con vaccini diversi dalla prima con AstraZeneca
Per quanto riguarda il vaccino monodose Johnson & Johnson, Genazzani riferisce che una seconda dose di richiamo non è esclusa al momento, perché non è nota la durata della sua copertura.
“Non metterei troppo accento sul fatto che J&J sia un vaccino monodose. Al momento è stato studiato come vaccino di cui si dà una singola dose e sappiamo che dà una protezione 14 giorni dopo la somministrazione”, afferma Genazzani che poi aggiunge:
Non sappiamo quanto duri (la copertura, ndr), potrebbe benissimo essere che serva un richiamo in seguito, ci sono degli studi che lo stanno valutando. Intanto possiamo cominciare a vaccinare però”.

Richiami a 42 giorni

Genazzani discute anche del richiamo per i vaccini Pfizer e Moderna, egli afferma che la norma dovrebbe essere il richiamo a 21 e 28 giorni come stabilito in origine, perché sono “quelli ottimali” e “perché su quelli abbiamo dei dati”.
E sul richiamo a 42 giorni invece afferma:
Fabrizio Curcio, nuovo capo del Dipartimento della Protezione Civile - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Secondo Curcio molte persone non si prenotano per vaccini, questo vero problema
“Ci sono anche pazienti che sono stati trattati a 42 giorni. Dal punto di vista scientifico non penso che arrivare a 42 giorni tra due dosaggi debba diventare la norma, ma credo che sia possibile”.
L’Italia ha deciso in questi giorni di passare alla modalità di somministrazione a 42 giorni per garantirsi una maggiore scorta di vaccini da somministrare alla popolazione.
Tuttavia in settimana sono attese oltre 2,2 milioni di dosi dei vari vaccini autorizzati dall’Ema in questi mesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала