Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Danimarca: raddoppiati gli stupri in 8 anni, governo punta dito contro immigranti e cerca soluzioni

CC0 / / Violenza
Violenza - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Seguici su
Negli ultimi otto anni il numero di accuse e condanne per stupro in Danimarca è salito alle stelle, secondo i dati statistici citati in una dichiarazione del ministero della Giustizia. Circa un quarto di tali reati nel 2020 era stato commesso da stranieri. La sovrarappresentazione sta spingendo le autorità a prendere provvedimenti.
Su una popolazione di stranieri che, secondo i dati del 2018, non arrivava ancora al 10%, nel 2020 risulta che circa un quarto dei condannati per stupro in Danimarca non fossero danesi. La repentina e costante ascesa del numero dei casi di stupro nel Paese, che in otto anni sono di fatto raddoppiati, ha costretto il governo, che è a guida socialdemocratica, ad una riflessione e a prendere dei provvedimenti.
Per l’esattezza, nel 2020, sono state presentate 987 accuse per stupro in tutto il Paese. Nel 2012 ne erano state presentate 417. Nello stesso periodo, anche il numero delle condanne è aumentato in modo piuttosto marcato. L'anno scorso, sono state emesse sentenze in 217 casi contro i soli 132 verdetti nel 2012. Sorprendentemente, sia le accuse che le condanne sono aumentate costantemente ogni anno.
Dei 217 condannati per stupro lo scorso anno, 53 erano di nazionalità straniera. In altre parole, il 24% o poco meno di uno su quattro non ha la cittadinanza danese. Di loro, il gruppo più numeroso è costituito da siriani, turchi e apolidi (il più delle volte arabi dalla Palestina), il che segnala una chiara sovrarappresentazione.

Le preoccupazioni del Ministro della Giustizia

Il ministro della giustizia Nick Hækkerup ha affermato di prendere molto sul serio il forte aumento.
"Guardo i numeri molto seriamente, perché lo stupro è un crimine disgustoso, che purtroppo viene commesso in misura eccessiva", ha detto Nick Hækkerup al quotidiano BT, che ha definito la situazione "esplosiva".
"Le cifre mostrano chiaramente che abbiamo un problema con l'inclinazione etnica dato che in proporzione molti più stranieri vengono condannati per stupro, proprio come abbiamo un problema evidente quando più della metà dei detenuti nelle carceri e nei centri di detenzione del paese sono immigrati, loro discendenti o comunque stranieri", ha detto Hækkerup.
“È innanzitutto un problema enorme per la nostra comunità e la nostra società che ci siano gruppi che hanno un impatto così significativo in termini di criminalità.
Bandiera dell'Australia - Sputnik Italia, 1920, 29.03.2021
Ministri australiani retrocessi dopo doppio scandalo di stupro
Questo mette in discussione la nostra coesione, e quindi è anche politica del governo che gli stranieri senza cittadinanza danese, che sono condannati per stupro, debbano essere espulsi, nella misura in cui ci sono le basi per poterlo fare", ha detto Hækkerup.

E l’incidenza degli immigranti o discendenti ma con la cittadinanza?

Il portavoce dei conservatori, Naser Khader, ha definito l'aumento preoccupante e ha osato che la quota di non danesi potrebbe effettivamente essere ancora più alta.
"Voglio chiedere al ministro quanti di coloro che sono stati condannati con nazionalità danese sono in realtà immigrati di seconda o terza generazione, così possiamo scoprire quanti con un background di immigrazione sono effettivamente accusati o condannati per stupro", ha detto.

Tentati provvedimenti presi in precedenza

Per affrontare il problema dello stupro, l'anno scorso è stata approvata una nuova legge che introduce una cosiddetta clausola di consenso. Tuttavia, Nick Hækkerup è scettico; crede che la nuova legge da sola non sia sufficiente a fermare l'aumento degli stupri. Pertanto, un nuovo protocollo di polizia prevede più ampie regole di ingaggio per le squadre speciali, nonché la possibilità di interrogatori video per le vittime di stupro.
Misure utili ma affatto sufficienti secondo il ministro, che ha auspicato un cambiamento nella società per combattere la violenza sessuale nonché un nuovo pacchetto di regole per rendere più efficace la deterrenza.
"Spero e mi aspetto che con la nuova legislazione e le nuove iniziative, non solo cattureremo più stupratori, ma otterremo anche un cambiamento di cultura e comportamento nella società in relazione agli abusi sessuali", ha detto Hækkerup.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала