Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Certificato Covid, UE prevede il lancio entro fine giugno

© Sputnik . Ramil Sitdikov / Vai alla galleria fotograficaUn'addetta dell'aeroporto di Domodevo consegna ad un passeggero il certificato di vaccinazione in inglese
Un'addetta dell'aeroporto di Domodevo consegna ad un passeggero il certificato di vaccinazione in inglese  - Sputnik Italia, 1920, 13.04.2021
Seguici su
Continuano i piani dell'UE di istituire dei certificati Covid per permettere maggiore libertà e facilità di spostamento tra gli stati europei. Al momento, i viaggi all'interno del blocco sono limitati ai soli casi di necessità e urgenza.
L'UE conta di rendere operativo il sistema di certificati Covid entro la fine di giugno per far ripartire i viaggi all'interno dei paesi dell'Unione in tempo per le vacanze estive europee, ha riportato l'agenzia francese AFP.
"L'obiettivo di questa proposta è facilitare il ritorno alla libera circolazione all'interno dell'Unione europea", ha dichiarato al Parlamento europeo il commissario europeo della giustizia, Didier Reynders.
Gli Stati membri stanno discutendo sui dettagli finali del cosiddetto 'certificato verde digitale' e il Parlamento europeo sta sollecitando una votazione, che dovrebbe svolgersi nella prossima riunione plenaria del 7-10 giugno, in modo da poter rendere operativo il certificato alla fine dello stesso mese.
Reynders ha sottolineato che non si tratterà di un passaporto vaccinale, in quanto nel certificato saranno inclusi, oltre ai dati di chi è stato vaccinato, anche i risultati negativi dei test PCR e i dati di coloro che si sono ripresi dopo l'infezione da Covid-19.
"Tutti i cittadini devono poter beneficiare di un certificato verde digitale quando viaggiano. Il possesso di un certificato vaccinale non dovrebbe, e non può, essere una condizione preliminare per esercitare i diritti di libera circolazione", ha affermato.
L'uso del certificato sarà limitato nel tempo e scadrà dopo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità avrà dichiarato la fine della pandemia, e i dati trattati sarebbero stati minimi e protetti secondo gli standard dell'UE.
Un turista per le strade di Vienna - Sputnik Italia, 1920, 24.03.2021
UE, Sefcovic: certificati COVID-19 aiuteranno a ripristinare la libertà di movimento
Il documento permetterà ai cittadini e i residenti europei di circolare più liberamente all'interno dell'UE, specialmente viste le attuali restrizioni di frontiera tra i diversi Stati membri.
La commissione vorrebbe che il 'certificato verde digitale' venisse successivamente riconosciuto anche a livello internazionale per i viaggi in ingresso e in uscita dal blocco, ha detto Reynders, aggiungendo che i suoi esperti sono in contatto con l'OMS e l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile per discutere ulteriormente proprio su questo punto.
L'uso del certificato non sarà obbligatorio per i Paesi UE, ma chi sceglierà di adottarlo sarà costretto ad accettare i vaccini approvati dall'EMA, attualmente solo quelli di BioNTech-Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson.
I singoli Stati membri potrebbero accettare altri vaccini per i test d'ingresso nel paese, a loro discrezione. documentslibretto
A livello tecnico, la proposta della Commissione evita la necessità di una banca dati centralizzata, garantendo al contempo che i certificati possano essere autenticati dai funzionari di frontiera.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала