Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pranzo al ristorante e al cinema con il tampone negativo: ecco come potrebbe essere la ripartenza

© Sputnik . Evgeny UtkinLa gente passeggia a Milano
La gente passeggia a Milano - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2021
Seguici su
Dal 20 aprile dovrebbe iniziare il processo di graduale ritorno alla normalità. Il governo punta a riaperture "reali" e "sostenibili".
Il governo si starebbe preparando per allentare gradualmente le restrizioni già dalle prossime settimane. È quanto riferisce l’agenzia di stampa Adnkronos che cita fonti dell’esecutivo.
Sarebbe lo stesso premier Mario Draghi avrebbe chiesto al Comitato tecnico scientifico di lavorare in questo senso per arrivare a delle riaperture che siano “reali” e “sostenibili”, pur garantendo la salute dei cittadini.
Il percorso, come anticipato nelle scorse settimane, potrebbe partire dal prossimo 20 aprile. Secondo il Messaggero le regioni che potrebbero iniziare per prime a vedere la luce sarebbero Lazio, Umbria, Abruzzo, Marche, Liguria, Veneto, Basilicata, Molise, Trentino Alto Adige e Sicilia.
La road map prevede che rialzino le saracinesche per primi i ristoranti, inizialmente soltanto a pranzo. Poi sarà la volta dei musei, infine dei bar, pur con qualche limitazione per il servizio al tavolo, e delle palestre.
Almeno inizialmente non sarà un liberi tutti. Sempre il quotidiano di via del Tritone anticipa come l’orario di chiusura al pubblico per i locali, bar e ristoranti, potrebbe essere spostato alle 15 o alle 16, per scongiurare il rischio assembramenti collegato alla movida.
Inoltre, in alcune regioni, come il Lazio, potrebbe essere richiesta l’applicazione delle nuove linee guida di Iss e Inail che suggeriscono il distanziamento di due metri fra i tavoli, che si può ridurre ad un metro e mezzo nel caso in cui vengano utilizzati divisori in plexiglass.
Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, avrebbe individuato nel 27 aprile la data “x” per la ripartenza di cinema, teatri e spettacoli all’aperto, nel rispetto delle regole anti-contagio.
Tra queste potrebbe esserci l’obbligo della mascherina filtrante, quella Ffp2, per tutta la durata dello spettacolo, prenotazioni online, ingressi scaglionati e tampone negativo effettuato al massimo 48 ore prima dell’evento.
Si pensa anche alla riapertura delle palestre, in un primo momento con le lezioni individuali. Via libera anche al ritorno nelle aule universitarie, ma con presenza contingentata.
Resteranno gli ingressi scaglionati anche nei negozi, l’obbligo di servire una sola persona per volta per le attività sotto i 25 metri quadri e le regole sulla sanificazione dei locali.
Si starebbe ragionando anche sulla riapertura al pubblico degli eventi sportivi, principalmente calcio e tennis, portando negli stadi soltanto un quarto del pubblico, sia per garantire il distanziamento sociale all'interno, sia per evitare assembramenti all'esterno.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала