Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Patrick, la fidanzata gli ha potuto fare visita: lui resiste

© Foto : Facebook / Patrick Libero - الحرية لباتريك چورچPatrick George Zaki, ricercatore presso l'Università di Bologna
Patrick George Zaki, ricercatore presso l'Università di Bologna - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2021
Seguici su
Patrick Zaki ha potuto incontrare la fidanzata in carcere. Lei ha provato a confortarlo, ma lui sembra essersi rassegnato a una lunga permanenza in prigione.
La fidanzata di Patrick Zaki ha potuto fargli visita in carcere, a riportarlo è la pagina Facebook Patrick Libero che da mesi fa da megafono ufficiale per la causa del giovane ricercatore universitario in prigione in Egitto da oltre 14 mesi.
La visita in carcere è avvenuta quest’oggi, lunedì 12 aprile. La ragazza ha detto che gli è parso stare bene in generale, ma confuso riguardo a quanto accaduto nell’ultima sessione nell’aula di tribunale.
Zaki ha riferito alla sua ragazza di essere al corrente del prolungamento di ulteriori 45 giorni della sua detenzione, ma che non sapeva nulla dell’esito della richiesta di cambio dei giudici che si occupano della sua causa.
Il ricercatore universitario alla fidanzata ha riferito anche che “appena è entrato nell’aula dell’ultima sessione, il giudice stava dicendo agli avvocati di andarsene”. Il che fa supporre che non abbia potuto parlare con i suo avvocati.

100 anni di solitudine

Zaki ha dato alla sua ragazza il libro “Cent’anni di solitudine”, scritto da Gabriel Garcia Marquez, con dentro un bigliettino su cui ha riportato una frase in italiano scritta di suo pugno:
“Ancora resistendo, grazie per il supporto tutti tutti”.

Speranza di uscire dal carcere

Ma un particolare fa comprendere lo stato di fiducia di Zaki. La fidanzata ha provato a confortarlo dicendogli che tutti sperano che presto uscirà di lì.
Ma lui è esploso in una risata sarcastica e disperata, e ha detto che prova ad adattarsi alla vita in prigione. Sintomo secondo lei, che ha perso la speranza di uscire presto dal carcere.

Aspetto personale deriso

Zaki ha anche riferito che ogni aspetto della sua persona è oggetto di attenzione e anche di derisione. Il direttore del carcere, prima di entrare in tribunale per l’ultima udienza, lo ha avvertito che doveva tagliare i capelli o altrimenti non avrebbe potuto più entrare. Frasi espresse davanti ai poliziotti che ridevano di lui, ha riferito Patrick Zaki alla sua fidanzata.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала