Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Archeologo racconta di quando i turisti potranno vedere la "città d'oro" vicino a Luxor - Video

© Sputnik . Fayed El-Geziry / Vai alla galleria fotograficaPiramidi in Egitto
Piramidi in Egitto - Sputnik Italia, 1920, 12.04.2021
Seguici su
Scoperti i resti di un'antica città sepolta sotto la sabbia - ritrovato l'insediamento più grande di sempre in Egitto, si spera di poterlo presto mostrare al pubblico.
La "città d'oro" recentemente scoperta vicino a Luxor, in Egitto, può essere aperta ai turisti non prima di tre stagioni archeologiche (la stagione dura da settembre a maggio), fino ad ora è stato scoperto solo circa del 30% dell'antica città, ha detto il direttore generale del Dipartimento di Antichità della Cisgiordania di Luxor, Fathi Yasin.
Una missione archeologica egiziana guidata da un noto scienziato, l'ex Ministro egiziano dell'Archeologia, Zahi Hawass, ha scoperto una perduta "città d'oro" sotto le sabbie sulla riva occidentale del Nilo vicino a Luxor, chiamata "Ascesa di Aton" dal nome di un'antica divinità egizia solare. È il più grande insediamento antico mai trovato in Egitto. Hawas ha detto che gli archeologi dovranno lavorare per almeno dieci anni sul sito dell'insediamento. Secondo lo scienziato, nella città ci sono almeno tre isolati, stanze per riporre carne, aree in cui si facevano vestiti, e altre per mattoni grezzi.
Secondo l'archeologo, la scoperta è unica nel suo genere, in quanto il lavoro sul sito della "città d'oro" permetterà di apprendere la tecnologia di costruzione, pianificazione di insediamenti e aree residenziali nell'antico Egitto. "Tutto ciò che è già stato scoperto è di grande valore e indica il periodo del regno di Amenhotep III", ha detto.
Amenofi III fu il nono faraone dell'illustre XVIII dinastia, che governò dal 1391 al 1353 a.C.
"Tutti gli oggetti trovati saranno studiati, dopo di che si deciderà in quale museo d'Egitto saranno collocati. Questa città ha una continuazione ad ovest da un lato e a nord dall'altro, dove i lavori non sono ancora iniziati. Pertanto, nelle prossime stagioni ci aspettiamo nuove scoperte da queste parti, forse tra queste ci saranno anche delle tombe", ha aggiunto Yasin.
Sarcofaghi a Luxor - Sputnik Italia, 1920, 09.04.2021
Egitto: Scoperta a Luxor una "città d'oro perduta" di 3000 anni - Video
Ha ricordato che Amenhotep III governò l'Egitto al culmine della sua prosperità, quando gli edifici si distinguevano per il loro valore. Il figlio di Amenhotep III, Amenhotep IV, noto come Akhenaton, spostò la capitale dell'antico stato egiziano a Tel el-Amarin e cercò di introdurre il culto del dio sole singolo. "Sulla base di questo, forse la religione è iniziata da Tebe, non a Tel al-Amarina", ha detto l'archeologo.
Secondo il direttore generale del Dipartimento di Antichità del West Luxor, i rapporti secondo i quali la "città d'oro" è stata effettivamente scoperta dagli scienziati francesi negli Anni '30 sono falsi. "Il sito è molto lontano da ciò che è stato scoperto da un archeologo francese nel 1936. Le immagini satellitari mostrano la differenza tra i due luoghi e la distanza tra il tempio di Amenhotep, dove lavorava la spedizione francese, e il luogo appena aperto", ha spiegato Yasin.
Mustafa Waziri, Segretario Generale del Consiglio Supremo per le Antichità d'Egitto, ha detto che gli scavi sono iniziati nel settembre 2020 nell'area tra i templi di Amenhotep III e Ramses III a Medinat Abu, nella speranza di trovare il tempio funerario di Tutankhamon. Due templi sono già stati trovati nella zona. Sessanta missioni di archeologi avevano precedentemente lavorato nel sito, ha detto Waziri.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала