Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giordania, il Re e il Principe hanno fatto la loro prima apparizione assieme dopo crisi

© AFP 2021 / KHALIL MAZRAAWIIn this file photo taken on April 17, 2012 shows Jordanian Prince Hamzah bin al-Hussein, president of the Royal Aero Sports Club of Jordan, carries a parachute during a media event to announce the launch of "Skydive Jordan", in the Wadi Rum desert. - A top former Jordanian royal aide was among several suspects arrested on April 3, 2021, as the army cautioned Prince Hamzah bin Hussein, the half-brother of King Abdullah II against damaging the country's security.
In this file photo taken on April 17, 2012 shows Jordanian Prince Hamzah bin al-Hussein, president of the Royal Aero Sports Club of Jordan, carries a parachute during a media event to announce the launch of Skydive Jordan, in the Wadi Rum desert. - A top former Jordanian royal aide was among several suspects arrested on April 3, 2021, as the army cautioned Prince Hamzah bin Hussein, the half-brother of King Abdullah II against damaging the country's security. - Sputnik Italia, 1920, 11.04.2021
Seguici su
Il principe Hamzah è stato il primo in linea di successione al trono fino a quando il re Abdullah II non ha rimosso il suo titolo di principe ereditario nel 2004 e lo ha passato a suo figlio Hussein cinque anni dopo. La mossa ha portato a una spaccatura nella famiglia rimasta irrisolta fino a poco tempo fa.
Re Abdullah II e il fratellastro, il Principe Hamzah, hanno fatto la loro prima apparizione pubblica dopo la faida a palazzo, ha riferito la TV di Stato giordana.
Domenica, i membri della famiglia reale giordana si sono riuniti per celebrare il centenario della fondazione dell'Emirato della Transgiordania, un protettorato britannico che diede ulteriore origine al regno.
In precedenza, Hamzah bin Al-Hussein, l'ex Principe Ereditario giordano, aveva giurato lealtà al re Abdullah II, in una lettera pubblicata dalla corte reale la scorsa settimana.
Il 41enne ha detto di essere agli arresti domiciliari, ma era determinato a mettere gli interessi della nazione al di sopra dei propri.
"Gli interessi della patria devono rimanere al di sopra di ogni considerazione, e dobbiamo tutti sostenere Sua Maestà il Re nei suoi sforzi per proteggere la Giordania e i suoi interessi nazionali", ha detto il Principe, il giorno dopo che i media statali avevano riferito che gli era stato detto di fermare le azioni che minano la sicurezza nazionale.
"Mi rimetto nelle mani di Sua Maestà il Re, sottolineando che rimarrò [...] fedele alla costituzione dell'amato Regno Hascemita di Giordania. Sarò sempre di aiuto e sostegno a Sua Maestà il Re e il suo Principe Ereditario", ha proseguito il Principe estraniato, tra le accuse che sia stato coinvolto in un complotto per destabilizzare il regno.
Almeno altre 18 persone sono state arrestate in relazione a questo.
Abdullah II ha da allora riconosciuto "giorni dolorosi" nel suo primo discorso pubblico da quando sono state sollevate le accuse del fratellastro Hamzah bin Al-Hussein contro la sicurezza nazionale. Mercoledì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto una telefonata ad Abdullah II "per sottolineare l'importanza della sua leadership per gli Stati Uniti e la regione".
La spaccatura reale risale al 2004, quando re Abdullah II spogliò il fratellastro del suo titolo di Principe Ereditario per dotare suo figlio Hussein di esso cinque anni dopo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала