Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Anelli (Ordine medici): "Accettate qualsiasi vaccino"

© REUTERS / Yara NardiVaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech a Roma, in Italia
Vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNTech a Roma, in Italia - Sputnik Italia, 1920, 11.04.2021
Seguici su
Il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici ha invitato le persone a non diffidare di qualsivoglia vaccino, suffragando la sua esortazione con i dati secondo i quali la vaccinazione ha ridotto del 95% la mortalità tra la sua categoria.
L'importante è vaccinarsi, con qualsiasi vaccino disponibile, perché si tratta di un rimedio che "funziona ed è l'unica vera via per uscire dall'emergenza": questo l'invito di Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici, citato da Rainews.
"Sollecito tutti ad avere fiducia nella scienza e ad affidarsi ai medici per la scelta del vaccino", la sua esortazione.
Anelli ha cercato anche di dissipare i timori sorti intorno a quello AstraZeneca, nei confronti del quale "la raccomandazione di utilizzo per gli over 60 è legata ad un orientamento di grande prudenza", aggiungendo che "tra le migliaia di insegnanti pugliesi cui è stato somministrato il vaccino anglo-svedese non si siano registrati casi di effetti collaterali gravi". 
"In un contesto in cui la mortalità per Covid è altissima, il primo vaccino che vi propongono, qualsiasi esso sia, è la via migliore per tutelare la vostra salute", ha ribadito.
Per suffragare il suo invito, il presidente degli Ordini dei medici ha citato i dati della sua categoria. 
"Grazie alla vaccinazione di tutti i medici la mortalità nella nostra categoria si è abbattuta del 95%. Ogni mese registravamo tra 40 e 60 decessi. A marzo ne sono stati 10, nei 10 giorni di aprile soltanto 1", ha detto. 
Tornando ad AstraZeneca, Anelli evidenzia il fatto che "i dati sulla sorveglianza sanitaria hanno addirittura dimostrato che il vaccino AstraZeneca ha una funzione protettiva maggiore di altri per gli ultrasessantenni".
Anche il presidente del'AIFA, Giorgio Palù, aveva sottolineato in giornata che nessuno lo ha vietato agli under 60.
Fino ad ora in Italia sono state somministrate 12.920.208 dosi di vaccini; 3.908.326 persone hanno completato la vaccinazione, ricevendo entrambe le dosi, rivelano i dati del bollettino del Ministero della Salute.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала