Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Daniele Cipriani lancia danza e spettacolo d’asporto

© Foto : Massimo DanzaDaniele Cipriani guarda i bozzetti di Roberto Capucci per lo spettacolo Le Creature di Prometeo
Daniele Cipriani guarda i bozzetti di Roberto Capucci per lo spettacolo Le Creature di Prometeo - Sputnik Italia, 1920, 10.04.2021
Seguici su
La pandemia ha costretto alla chiusura di molti teatri lasciando gli artisti senza lavoro e pubblico. In un momento di difficoltà arriva il segnale di vitalità che darà sostenibilità artistica ed economica al mondo di manifestazione.
La proposta è stata formulata da Daniele Cipriani, impresario, produttore, organizzatore, celebre per i gala internazionali di danza "Les etoiles". L’idea sarebbe quella di asportare lo spettacolo dal vivo “su misura” a domicilio offrendo agli italiani “pillole” di danza, teatro e canto.
Come verrà realizzato il nuovo progetto culturale? Per maggiori dettagli Sputnik Italia ha raggiunto Daniele Cipriani.
— Daniele, com'è ti è venuta in mente l'idea di offrire al pubblico la danza e gli spettacoli d’asporto? Da dove è arrivata l'ispirazione?
— In questo periodo di chiusura non ho voluto rinunciare alle mie abitudini. Tra queste c’è quella di andare a prendere un caffè al mio solito bar, da Paola, a Castel Gandolfo dove vivo e dove c’è un percorso a piedi che porta dal Palazzo Papale alla Chiesa del Bernini nella piazza principale da cui si gode di una vista mozzafiato sul Lago. Il percorso è un momento di riflessione; facendo tale percorso mi rigirava nella testa la parola “asporto” che, durante i lockdown in zona arancione è all’ordine del giorno. Chiaramente, da Paola quella mattina avrei preso un caffè d’asporto… E allora quella parola mi fece intravedere una possibile via d’uscita da questo momento di stasi. 
Caffè espresso - Sputnik Italia, 1920, 18.03.2021
Ora il caffè espresso italiano si candida a diventare patrimonio dell'umanità
Se si poteva prendere un caffè d’asporto, perché non uno spettacolo d’asporto? Alla fine, non stavo inventando nulla di nuovo: gli spettacoli a casa si sono sempre fatti; in certi ambienti, a livelli molto alti, si continuano a fare tutt’oggi; nell’Ottocento era all’ordine del giorno mettere in scena spettacoli in famiglia oppure invitare artisti, musicisti, cantanti ad esibirsi per gli ospiti. Allora perché non riscoprire questa modalità, magari rendendola alla portata di tutti.
Non ho scoperto nulla di nuovo, mi sono semplicemente fatto ispirare dalla parola “asporto” che, fino a poco fa, era molto poco utilizzata, ora è sulla bocca di tutti. In simile maniera, l’anno scorso, la parola “congiunti”, utilizzata dal Presidente Conte per significare le persone conviventi che potevano continuare a stare in contatto fisico, mi ispirò ad inventare lo spettacolo Duets and Solos in cui trovavo la soluzione ai passi a due: facendoli danzare da ballerini che erano anche partner nella vita.
— Come verrà messo in piedi il progetto “arte on-demand” dal punto di vista tecnico? Pensi di creare una piattaforma online per le prenotazioni? Come si potrà aderire all’iniziativa?
— Ogni spettacolo d’asporto sarà un momento unico e irripetibile come in questi anni lo sono sempre stati i miei spettacoli ed eventi. Quindi anche gli spettacoli d’asporto saranno basati su diversi fattori che li renderanno diversi tra loro: location, budget, preferenze del padrone di casa. Ogni spettacolo sarà una creazione su misura, dopo dialogo con me, come direttore artistico, si partirà da zero per soddisfare in pieno le richieste.
— Di che cosa sarà composto il vostro “menu teatrale”?
— Offriremo di tutto: saranno pillole di danza, musica classica, canto, teatro, anche pop. Il menu sarà a secondo dei gusti dei padroni di casa. Se ha un balcone, potremo pensare a scene da Romeo e Giulietta o Cyrano de Bergerac; qualche scena da Chekhov in un salotto, o qualche aria da La Traviata; in giardino L’après-midi d’un faune o Il sogno di una notte di mezz’estate… 
Teatro Delivery - Sputnik Italia, 1920, 12.03.2021
Teatro Delivery, lo spettacolo dal vivo arriva a domicilio - Video
Si può anche portare spettacoli nei cortili dei grandi condomini, magari con il sostegno dei comuni per portare il teatro da quegli spettatori che non sono soliti mettere piede nei teatri. Alla fine questo periodo potrà permettere a tanti di aprire (letteralmente) una finestra su un mondo sconosciuto.
— E come verranno rispettate le misure anti-Covid?
— Certo, in base agli spazi a disposizione studieremo la maniera di mantenere le distanze di sicurezza richieste. In spazi all’aperto, chiaramente, sarà più facile. Ci saranno massimo due artisti e, nel caso dovessero danzare dei passi a due in cui c’è un contatto fisico, saranno coppie di partner congiunti. È chiaro che tutti gli artisti saranno tamponati il giorno dell’evento.
Poiché anche gli ospiti saranno certamente contingentati, il padrone di casa potrà trasmettere il “suo” spettacolo agli amici in diretta streaming sui social media.
— Quanto, secondo le tue stime, potrebbe costare il biglietto, tenendo presente la drammatica situazione economica che sta vivendo oggi la popolazione italiana?
— Non ci sarà un biglietto, il padrone di casa compra l’evento come fosse un teatro che compra lo spettacolo. Chiaramente, in scala minore!
— Hai avuto possibilità di discutere il nuovo progetto con i tuoi artisti? Sono pronti a diventare i “rider” e portare di casa in casa il cibo d’anima dopo un anno di sacrifici? È un barlume di speranza per loro? 
— Gli artisti non sono pronti… sono prontissimi! Un artista senza pubblico è un essere umano senza possibilità di esprimersi. L’importante per loro tutti è di ritornare in scena. Dai più celebri ai più giovani ed esordienti, sono prontissimi, quindi, con grande entusiasmo a venire a farvi sognare nelle vostre case.

— Secondo te, questa iniziativa potrebbe diventare una valida alternativa allo spettacolo dal vivo tradizionale?
— Assolutamente no. Lo spettacolo in teatro è insostituibile. Al momento è una soluzione in una situazione di sofferenza, non un’alternativa. Ciò non toglie che lo spettacolo d’asporto, una volta riscoperto ed apprezzato, non possa continuare a convivere anche con lo spettacolo nei teatri nel momento in cui questi dovessero riaprire i cancelli (speriamo presto!) In fondo, così come la TV convive con il cinema…
— Da quello che dicono i numerosi virologi e politici, sembrerebbe che quest’estate arriverà finalmente la tregua tanto attesa. Hai intenzione di sfruttare questa opportunità dal punto di vista professionale e realizzare un gala in presenza?
People wearing protective masks attend a concert of Love of Lesbian at the Palau Sant Jordi, the first massive concert since the beginning of the coronavirus disease (COVID-19) pandemic in Barcelona, Spain, March 27, 2021. - Sputnik Italia, 1920, 29.03.2021
Spagna, a Barcellona 5mila spettatori a primo grande concerto rock durante pandemia di Covid - Video
— Sto organizzando uno spettacolo incentrato sull’amore del grande compositore russo, Stravinsky’s Love celebra il grande musicista russo Igor Stravinsky nel 50° anniversario della sua morte. Nei celebri panni di Igor Stravinsky, assisteremo al ritorno in scena di Vladimir Derevianko, già primo ballerino del Bolshoi di Mosca che rievocherà ricordi della vita di Stravinsky, introducendo i brani della serata tra cui i celebri balletti che compose per i Ballets Russes di Sergei Diaghilev. Ad interpretarli, virtuosi della musica e della danza. Spiccano nel cast Beatrice Rana, una delle più apprezzate pianiste sulla scena musicale internazionale odierna, e il violinista Andrea Obiso con il suo raffinato Guarneri del Gesù del 1741. Il cast tersicoreo comprenderà tra gli altri il bailaor spagnolo Sergio Bernal e principals da altre grandi compagnie.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала