Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Slitta ancora la sentenza del processo Ruby Ter, legittimo impedimento per Berlusconi

© AP Photo / Luca BrunoSilvio Berlusconi
Silvio Berlusconi - Sputnik Italia, 1920, 08.04.2021
Seguici su
Nuova udienza fissata per il 15 aprile. Il tribunale di Siena ha accolto la richiesta dei legali dell’ex premier in seguito al ricovero.
Bisognerà attendere ancora una settimana per conoscere la sentenza del processo Ruby Ter che vede imputato Silvio Berlusconi a Siena per corruzione in atti giudiziari.
La decisione finale era attesa per oggi, ma il tribunale ha accolto la richiesta dei difensori del leader di Forza Italia per il legittimo impedimento, avanzata dopo il ricovero per accertamenti al San Raffaele di Milano deciso martedì.
È la quinta volta che slitta la sentenza del processo in cui è imputato anche Danilo Mariani, pianista di Arcore ed è passato quasi un anno dalla data fissata per la decisione del collegio giudicante.
Il tribunale di Siena, quindi, non ha accolto le richieste del pubblico ministero che aveva chiesto di rigettare il rinvio.

Il Covid e ora il ricovero

Il primo rinvio dell’udienza della sentenza era stato chiesto il 21 maggio scorso a causa della pandemia di coronavirus.
In quel caso i difensori di Berlusconi avevano invocato l'impedimento a raggiungere Siena a causa delle restrizioni agli spostamenti tra regioni.
Poi era stata la volta del rinvio a causa della positività al Covid di Berlusconi, l’1 ottobre del 2020.
L’udienza era stata quindi rinviata anche il 25 novembre dello scorso anno per consentire all’ex premier di deporre, come richiesto da lui stesso.
Il 14 gennaio, Berlusconi era stato ricoverato in clinica in Provenza dopo un malore.
Ricovero anche il 22 marzo, quando Berlusconi era stato trattenuto per accertamenti.

Il Ruby Ter

Il processo di Siena nasce dallo stralcio di un fascicolo trasmesso dal tribunale di Milano a quello della città toscana nel 2017 per competenza territoriale.
Secondo i pm di Milano, infatti, a Siena era stato completato il pagamento da parte di Berlusconi a Mariani per produrre false testimonianze sulle serate a villa San Martino.
Berlusconi avrebbe pagato 170mila euro di “rimborsi spesa” dal 2011 al 2013 a Mariani per le testimonianze edulcorate, secondo la pm senese Valentina Magnini.
La richiesta di condanna per Berlusconi è di quattro anni e due mesi. La difesa ha chiesto l’assoluzione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала