Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Soros avrebbe promesso 20 milioni di dollari per il piano infrastrutturale di Biden

© AP Photo / Ronald ZakGeorge Soros
George Soros - Sputnik Italia, 1920, 05.04.2021
Seguici su
Il presidente Biden ha presentato un ambizioso piano di spesa per infrastrutture da 2,3 trilioni di dollari, noto come "Piano americano per il lavoro", che prevede centinaia di miliardi per strade e ponti, Internet, restauri agli edifici, investimenti nell'economia assistenziale e ricerca e sviluppo. I repubblicani hanno giurato di contrastarlo.
George Soros ha impegnato 20 milioni di dollari per dare il via a un'ampia campagna di raccolta fondi da parte di donatori e attivisti democratici del valore di 100 milioni di dollari per fornire "supporto di base" al disegno di legge sulle infrastrutture da 2.3 trilioni di dollari di Joe Biden. Lo riferisce Axios citando il diplomatico Tom Perriello.
“Ogni iniziativa proposta dal presidente Biden ha un ampio sostegno pubblico. Ma abbiamo già visto riforme popolari demonizzate a causa di partigianerie e interessi particolari e non lasceremo che ciò accada. I fatti non sempre vincono senza che il popolo americano venga messo di fronte a essi", ha detto Perriello.
Axios afferma che i 20 milioni di dollari dovrebbero giungere nelle casse di molte delle stesse "organizzazioni progressiste di base'' che sono sorte nell'ultima parte degli anni 2010 per sfidare l'agenda dell'allora presidente Donald Trump.
"Ci auguriamo che questo sforzo da parte degli organizzatori e dei donatori dia all'amministrazione Biden e al Congresso la certezza di dover fare le cose in grande, nel modo più coraggioso e veloce possibile", ha detto Leah Hunt-Hendrix, cofondatrice di Way to Win, una rete di donatori che ha promesso quasi 60 milioni di dollari per la campagna di voto per posta alle elezioni dello scorso anno.
I leader repubblicani di Camera e Senato hanno espresso un'esplicita opposizione  ai piani di spesa per le infrastrutture di Biden: il leader della minoranza del Senato Mitch McConnell ha detto senza mezzi termini che la proposta non avrebbe ricevuto sostegno "dalla nostra parte"; quello della minoranza della Camera Kevin McCarthy ha definito il piano un "lavandino di richieste via via più dispendiose". Nel talk show della domenica il senatore Roy Blunt ha detto che il partito repubblicano sarebbe pronto a spendere in strade, ponti, porti, aeroporti, sistemi idrici sotterranei e banda larga, ma non perorerà la raccolta del restante 70%dei soldi previsti da Biden.
Il segretario per l'energia di Biden Jennifer Granholm ha avvertito domenica che, se necessario, i legislatori democratici potrebbero far passare il disegno di legge al Congresso senza il sostegno del partito repubblicano.
Soros è un obiettivo popolare tra i critici che vanno dall'estrema sinistra all'estrema destra per la sua strategia di spendere grandi quantità di denaro in "iniziative della società civile'' al fine di influenzare il dibattito pubblico e i processi politici nei Paesi dove operano le sue fondazioni. Il gestore di hedge fund ha iniziato le sue attività politiche nell'Europa orientale alla fine degli anni '80, fornendo supporto materiale e organizzativo ai movimenti anticomunisti in Polonia, Ungheria e altre nazioni del blocco orientale. Negli anni '90 le sue organizzazioni si diffusero nell'ex Unione Sovietica, compreso in Ucraina e Russia, e alla fine si sono dispiegate in oltre 60 Paesi in tutto il mondo, Stati Uniti compresi. Mosca le ha aggiunte nel 2015 a un elenco di organizzazioni che sono ritenute una minaccia per la sicurezza nazionale, vietando le loro attività sul suolo russo.
Nel mondo finanziario Soros è meglio conosciuto per la sua speculazione valutaria contro la sterlina britannica nel 1992, che gli è valsa il suo primo miliardo di dollari di profitto, ma è costata all'economia britannica miliardi di sterline in perdite. Nel 2002 è stato condannato per insider trading da un tribunale francese e multato di 2,2 milioni di Euro. La condanna è stata confermata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo nel 2011.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала