Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Per Bloomberg Italia in ritardo nella ripresa economica mondiale post-pandemia

© Sputnik . Evgeny UtkinRistorante vuoto a Milano
Ristorante vuoto a Milano - Sputnik Italia, 1920, 04.04.2021
Seguici su
Nel 2021 il mondo si riprenderà rapidamente dalla crisi causata dalla pandemia di coronavirus, ma alcuni Paesi potrebbero rimanere indietro rispetto alla tendenza globale, hanno avvertito gli analisti di Bloomberg.
Per l'agenzia gli Stati Uniti e la Cina saranno i leader del mondo "post-pandemia". Washington guiderà la ripresa con trilioni di dollari di spesa pubblica per stimolare la ripresa economica. Invece il successo di Pechino è dovuto alla sua lotta efficace contro la pandemia a livello nazionale.
Bloomberg rileva che la crescita dell'economia mondiale sarà a ritmi record che non si vedevano dagli anni '60 e sarà pari al 6,9% a livello globale. Tuttavia questo tasso di crescita non sarà una prerogativa in tutti i Paesi a seguito dei diversi ritmi di vaccinazione e disponibilità di vaccini. I Paesi in via di sviluppo e l'Unione Europea, in primis Francia e Italia, saranno tra i ritardatari, affermano gli esperti dell'agenzia.
"I vaccini non sono ancora disponibili per tutti e non si trovano ovunque. Troppe persone continuano a subire perdite di posti di lavoro e la povertà cresce. Troppi Paesi sono in ritardo", l'agenzia cita le parole di Kristalina Georgieva, direttrice del Fondo Monetario Internazionale.
Gli esperti prevedono che alcuni Paesi avranno bisogno di diversi anni per tornare ai livelli pre-crisi. I Paesi con le economie basate sul turismo saranno quelli che soffriranno di più.
Nel primo trimestre di quest'anno, l'economia mondiale è cresciuta dell'1,3%. La crescita è forte negli Stati Uniti, mentre il Pil rallenta in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Giappone. Russia, Brasile e India inseguono la Cina in termini di tassi di crescita. 
U.S. President Joe Biden removes his mask to address NIH staff during a visit to NIH in Bethesda, Maryland, U.S., February 11, 2021.  - Sputnik Italia, 1920, 04.04.2021
Covid, Biden d'accordo con Papa Francesco: "vaccinarsi obbligo morale"
Tra i fattori che influenzano il ritmo della ripresa economica, gli esperti hanno nominato il tasso di vaccinazione della popolazione contro il coronavirus e la politica monetaria. Pertanto, secondo Bruce Kasman, capo economista di JPMorgan Chase, nel 2020, nella maggior parte dei paesi, tra cui Russia, Turchia e Brasile, la Banca centrale ha abbassato i tassi chiave per combattere la crisi. Ma ora hanno iniziato a inasprire la politica monetaria per prevenire un'accelerazione dell'inflazione o deflussi di capitali.
In precedenza Bloomberg ha notato l'accelerazione della ripresa dell'economia russa grazie a misure anti-Covid meno rigide, nonché per i danni minori provocati dalla pandemia rispetto ad altri Paesi. L'agenzia ha previsto un ritorno ai livelli pre-crisi entro il quarto trimestre di quest'anno.
La Banca Mondiale a sua volta ha migliorato le previsioni per la crescita del Pil russo per questo e il prossimo anno al 2,9 e 3,2%. Il ministero dello Sviluppo Economico russo prevede una crescita economica quest'anno al 3,3%.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала