Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Rapporti su aggressore del Campidoglio, soffriva di "terribili disturbi", la CIA lo cercava

© REUTERS / ALEXANDER DRAGOLa polizia di Campidoglio sul posto dell'incidente
La polizia di Campidoglio sul posto dell'incidente - Sputnik Italia, 1920, 03.04.2021
Seguici su
Il 25enne Noah Green, che venerdì ha schiantato la sua auto contro la barricata nord, uccidendo un agente della polizia capitolina e ferendone un altro, si sarebbe definito un seguace della Nazione islamica. I funzionari del DC hanno detto che l'attacco non sembra essere legato al terrorismo, ma sono in corso le indagini.
Il sospettato dell'attacco di venerdì alla polizia capitolina soffrirebbe di problemi mentali, sostenendo che le agenzie governative statunitensi lo stavano spiando, suggeriscono diversi media.
Secondo la Metropolitan Police, poco dopo le 13:00 ora locale, un uomo, poi identificato come il 25enne dell'Indiana Noah Green, ha schiantato la propria berlina blu contro due agenti della Polizia Capitolina e poi ha colpito la barriera della barricata nord. A seguito, è uscito dal veicolo con un coltello in mano, ma è stato ucciso dalla polizia.
Sia il New York Times che NBC News hanno riportato, citando i post su Facebook di Green (il suo account è stato apparentemente rimosso), che il sospettato era un sostenitore di Louis Farrakhan, il leader della Nation of Islam (NOI), organizzazione nazionalista nera che, in realtà, si discosta notevolmente dagli insegnamenti tradizionali dell'Islam.
Il Southern Poverty Law Center ha definito il NOI come un "gruppo di odio suprematista nero", viste le dichiarazioni antisemita e omofobe dei suoi membri.
Secondo il Campidoglio, Green ha condiviso sui social delle confessioni su quanto sia stata "dura" la sua vita negli ultimi anni, inclusa la perdita del lavoro per apparenti problemi mentali. "Sono stato provato da alcune delle più grandi e inimmaginabili sfide della mia vita. Al momento sono disoccupato, dopo aver lasciato il mio lavoro, in parte a causa di disturbi", ha scritto nei post l'attaccante capitolino.
© REUTERS / TOM BRENNERUn carro attrezzi traina l'auto usata per speronare una barricata della polizia fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti a Capitol Hill, Washington, 2 aprile 2021.
Un carro attrezzi traina l'auto usata per speronare una barricata della polizia fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti a Capitol Hill, Washington, 2 aprile 2021. - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Un carro attrezzi traina l'auto usata per speronare una barricata della polizia fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti a Capitol Hill, Washington, 2 aprile 2021.
Solo due ore prima dell'attacco, secondo la CNN, il sospetto ha pubblicato un video sul suo account Instagram con una didascalia che diceva: "Il governo degli Stati Uniti è il #1 nemico del popolo nero!" Un altro post su Instagram di Green ha riferito che Farrakhan lo aveva salvato "dopo le terribili afflizioni che ho subito presumibilmente dalla CIA e dall'FBI, agenzie governative degli Stati Uniti d'America".
La polizia capitolina ha confermato l'identità di uno dei due agenti di polizia, che è morto per le ferite riportate dopo l'attacco, come il veterano di 18 anni William Evans. Il presidente Joe Biden in una dichiarazione ha espresso le sue condoglianze e ha detto di aver ordinato di abbassare la bandiera della Casa Bianca a mezz'asta.
Gli ufficiali devono ancora determinare il movente esatto dietro l'attacco. Il capo della polizia metropolitana Robert Contee ha detto in conferenza stampa che l'attacco non sembra essere legato al terrorismo, ma le indagini sono in corso e gli investigatori continueranno a vedere se ci sono legami con il terrorismo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала