Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mega asteroide che uccise i dinosauri ha dato origine alla foresta pluviale dell’Amazzonia

© NASA/Don DavisAsteroide che ha ucciso i dinosauri
Asteroide che ha ucciso i dinosauri - Sputnik Italia, 1920, 03.04.2021
Seguici su
E se la foresta pluviale dell'Amazzonia che oggi conosciamo fosse il frutto delle conseguenze lasciate dall'enorme meteorite che estinse i dinosauri dalla faccia della Terra? Uno studio scientifico apre nuove affascinanti prospettive.
66 milioni di anni fa un enorme asteroide (12 chilometri di diametro) caduto in prossimità delle coste dell’America centrale e del sud, causò l’estinzione di massa dei dinosauri e, forse, portò alla nascita dell’attuale Amazzonia, oggi ridotta a un moncone dai devastanti incendi dell’uomo.
La ricerca è stata pubblicata su Science, ed è stata condotta dai ricercatori dello Smithsonian Tropical Research Institution di Panama.
I ricercatori hanno analizzato oltre 50 mila fossili di polline e fossili di foglia prima e dopo l’impatto del gigante provenuto dallo Spazio profondo.
La ricerca dimostrerebbe che le conifere e le felci erano molto comuni nell’area, prima dell’impatto nello Yucatan del meteorite.
Dopo lo sconvolgente evento, la diversità delle piante si è ridotta del 45% e molte piante da seme si sono estinte.
Nell’arco di 6 milioni di anni le foreste hanno recuperato gli spazi devastati dal meteorite, ma con nuove piante, ovvero le piante da fiore.

La trasformazione delle foreste tropicali

Durante il tardo Cretaceo, quando i dinosauri ancora dominavano il mondo ignari della loro terribile sorte, gli alberi di quelle foreste tra loro erano molto distanziati, tanto che le parti superiori non si sovrapponevano e lasciavano ampie aree del sottobosco illuminate.
Dopo l’impatto le foreste hanno sviluppato chiome folte, riducendo la quantità di luce che giungeva nel sottobosco.
Il perché ciò sia avvenuto non è ancora chiaro e le ipotesi avanzate dalla ricerca sono tre.
La presenza degli enormi dinosauri impediva alla foresta di diventare fitta, poiché questi ultimi percorrendola calpestavano le piante del sottobosco.
La cenere e i detriti caduti dopo l’impatto ha arricchito il suolo delle foreste in tutti i tropici, avvantaggiando le piante da fiore a cresciuta più rapida.
L’estinzione delle conifere ha dato una opportunità alle piante da fiore di prendere il sopravvento.
O magari la sommatoria delle tre ipotesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала