Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Multa di 5 milioni a Facebook per uso scorretto dei dati, il Consiglio di Stato boccia il ricorso

© AP Photo / Matt RourkeLogo Facebook
Logo Facebook - Sputnik Italia, 1920, 01.04.2021
Seguici su
La mancata indicazione da parte di Facebook dell'utilizzo dei dati a fini commerciali è stato finora sanzionata con due multe da parte dell'Antitrust.
Il Consiglio di Stato ha deciso di bocciare il ricorso presentato da Facebook contro la sentenza del TAR che nel gennaio 2020 aveva dimezzato la sanzione inflitta dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nel mese di dicembre 2018, che inizialmente avrebbe dovuto essere di 10 milioni di euro.
Così, l'azienda di proprietà di Mark Zuckerberg sarà costretta a pagare una multa pari a 5 milioni di euro, come previsto dalla sentenza.

Le indagini di AGCM e la prima multa a Facebook

Al termine di un'inchiesta partita nell'aprile 2018, AGCM aveva rilevato la violazione da parte di Facebook degli articoli 20, 21, 22, 24 e 25 del Codice del consumo attraverso l'uso di due pratiche commerciali scorrette.
L'accusa nei confronti del colosso di Menlo Park era di aver attuato una pratica ingannevole nei confronti degli utenti "non informandoli adeguatamente e immediatamente, in fase di attivazione dell’account, dell’attività di raccolta, con intento commerciale, dei dati da loro forniti e, più in generale, delle finalità remunerative che sottendono la fornitura del servizio di social network, enfatizzandone la sola gratuità"
Era inoltre stata rilevato l'utilizzo di pratiche aggressive da parte di Facebook, che trasmetteva senza previo consenso i dati degli utenti a siti web o app di terzi per finalità commerciali.
Logo Facebook - Sputnik Italia, 1920, 16.03.2021
Australia: accordo tra Facebook e Murdoch sulla condivisione di notizie
Per tali motivi a Facebook era stata comminata una multa di 10 milioni di euro, contro la quale la società aveva presentato un ricorso accolto dal TAR del Lazio.

La seconda multa

Successivamente il social network ha proceduto alla rimozione della frase relativa alla gratuità del servizio offerto da Facebook, senza tuttavia adeguarsi per quanto riguarda l'uso commerciale dei dati.
Per tale motivo, l'Antitrust ha comminato una seconda multa del valore di 7 milioni di euro nel mese di febbraio.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала