Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ristori, 2mila domande nei primi 10 minuti dall'apertura del canale

© Sputnik . Aleksey Suhorukov / Vai alla galleria fotograficaEuro
Euro - Sputnik Italia, 1920, 30.03.2021
Seguici su
E' scattata oggi la corsa agli ultimi ristori disponibili con il governo Draghi, con oltre 2mila domande nei primi 10 minuti dall'apertura del sito. La conferma è arrivata dal viceministro dell'Economia Laura Castelli.

Oggi l'Agenzia delle Entrate ha aperto il canale che dà la possibilità di effettuare domanda per la richiesta del contributo a fondo perduto previsto per le partite IVA, che saranno accreditati direttamente sul conto corrente o portati in detrazione, a seconda della preferenza, prevedibilmente in tempi rapidi, secondo l'auspicio dell'esecutivo. 

E' stato il Direttore dell'Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini a dare il via all'iter delle domande con l'apertura del canale del sito "Fatture e Corrispettivi". 

La procedura è telematica e sarà attuabile fino al 28 maggio.

Sarà necessario compilare online l'apposito modello utilizzando le credenziali Spid, Cie o Cns o quelle rilasciate dall'Agenzia, ma è anche possibile servirsi di commercialisti e CAF per la compilazione della domanda.

​Come affermato dal viceministro dell'Economia Laura Castelli sui propri profili social, nei primi 10 minuti dall'apertura del canale oltre 2mila domande sono state inoltrate.

Importante ricordare che il contributo a fondo perduto è riconosciuto alle imprese e ai professionisti con un fatturato fino a 10 milioni che abbiano subito un calo di almeno il 30% nel 2020.​

Le persone in un ristorante a Milano, Italia - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2021
Approvato dl sostegni, dalla cancellazione delle cartelle ai ristori: ecco le misure principali
Per coloro che hanno aperto la partita IVA nel 2020, non esistendo un termine di paragone con il 2019, è stato riconosciuto un contributo minimo di 1.000 o 2.000 euro. E' escluso chi non aveva partita IVA alla data del 23 marzo 2021 avendo già chiuso l'attività prima dell'approvazione del Dl Sostegni.

Nei giorni scorsi il Consiglio dei Ministri ha approvato il Dl sostegni, con misure su cartelle esattoriali, versamenti fiscali, nuovi ristori per le imprese con perdita superiore al 30% del fatturato, blocco dei licenziamenti e proroga di cassa integrazione e Naspi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала