Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L’Italia crescerà del 4,5% secondo il Fmi ma molto dipenderà dalla pandemia

© Sputnik . Natalia Seliverstova / Vai alla galleria fotograficaLa sede FMI a Washington
La sede FMI a Washington - Sputnik Italia, 1920, 30.03.2021
Seguici su
Il rapporto stilato al termine della missione annuale spinge sul ruolo del Recovery Fund nella ripresa dell’economia e sull’andamento della crisi legata al Covid-19.

Emerge un cauto ottimismo dal report annuale degli osservatori del Fondo Monetario Internazionale dopo la missione in Italia.  

Il Fondo prevede una ripresa del Pil del 4,25-4,5% per il 2021 con "un avvio debole seguito da una accelerazione nella seconda parte dell'anno", ma molto dipenderà dall’andamento della pandemia di coronavirus, insieme alle misure del Recovery Fund e alle “politiche di sostegno”.

La spesa per affrontare lo shock della pandemia, spiega il Fmi, e per assicurare la ripresa dovrebbe essere "accompagnata da un piano credibile per ancorare una significativa - anche se graduale - riduzione del debito una volta che la ripresa si è consolidata".

I sostegni

Gli osservatori del Fondo hanno sottolineato che grazie alle misure messe in campo dal governo e dall’Ue per contrastare gli effetti della crisi pandemica "il reddito disponibile aggregato dei cittadini è diminuito solo modestamente e molte aziende hanno conservato una liquidità adeguata”.

La stessa incertezza causata dalla crisi, però, ha generato “preoccupazioni senza precedenti sul futuro” e si è evidenziata “nell'alto tasso di risparmio e nei bassi investimenti" da parte di cittadini e imprese.

Per questo gli stimoli messi in campo per affrontare la pandemia "saranno necessari anche dopo che la crisi sanitaria sarà passata per limitare le cicatrici del mercato del lavoro e nell'accumulazione di capitale e costruire un futuro più verde, più digitale e più equo".

Detto questo, però, una volta che la crisi sarà superata bisognerà che l'Italia "sganci" i contratti di lavoro dai meccanismi di sostegno, facendo leva sugli schemi di formazione e di protezione sociale, ha avvertito il Fondo.

© Foto : Filippo Attilill Presidente del Consiglio Mario Draghi e i Ministri Daniele Franco (Economia e finanze) e Andrea Orlando (Lavoro e politiche sociali) illustrano in conferenza stampa il Decreto Sostegni, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.
L’Italia crescerà del 4,5% secondo il Fmi ma molto dipenderà dalla pandemia - Sputnik Italia, 1920, 30.03.2021
ll Presidente del Consiglio Mario Draghi e i Ministri Daniele Franco (Economia e finanze) e Andrea Orlando (Lavoro e politiche sociali) illustrano in conferenza stampa il Decreto Sostegni, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

La priorità deve essere la sanità

Per la missione del Fondo "i margini di bilancio vanno usati con prudenza" e "la priorità è assicurare adeguati finanziamenti al sistema sanitario e al programma di vaccinazioni" in Italia.

Tra le altre priorità indicate il Fmi inserisce il sostegno al settore bancario, una “riduzione credibile del debito”, strettamente connessa con le riforme “ben definite”.

Si parla di riforme della Pubblica amministrazione e del Fisco per aumentare “il potenziale di crescita, l'efficienza e l'equità della spesa pubblica e della tassazione”.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала