Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Per amministrazione del Canale di Suez nessuna colpa personale per incidente di Ever Given

© Sputnik . Mahmoud Ahmed / Vai alla galleria fotograficaБуксир возле контейнеровоза Ever Given, севшего на мель на 151-м километре Суэцкого канала
Буксир возле контейнеровоза Ever Given, севшего на мель на 151-м километре Суэцкого канала - Sputnik Italia, 1920, 29.03.2021
Seguici su
L'amministrazione del Canale di Suez non è da biasimare per l'incidente con la nave portacontainer arenata Ever Given, l'infrastruttura ne è uscita danneggiata da questa situazione, ha dichiarato il direttore dell'amministrazione del Canale di Suez Osama Rabie.

"Non c'è colpa del canale di quello che è accaduto, siamo la parte lesa", ha detto Rabie in una conferenza stampa.

"L'inchiesta sull'incidente determinerà chi dovrà pagare i risarcimenti", ha spiegato Rabie.

Secondo il funzionario, l'amministrazione dell'infrastruttura ha perso 15 milioni di dollari al giorno per l'incagliamento di Ever Given.

Ha inoltre aggiunto che le autorità egiziane prevedono di far passare 113 navi rimaste bloccate nella coda formatasi all'ingresso del Canale di Suez entro martedì mattina.

"Stiamo affrontando un'altra sfida: risolvere il problema della congestione delle navi in ​​attesa di passaggio. Lavoreremo 24 ore su 24... Tutto è pronto, i tecnici sono al lavoro... Entro le 8 di domani mattina 113 navi passeranno attraverso il canale in entrambe le direzioni", ha dichiarato Rabie.

Ha spiegato che al momento 422 navi sono in attesa di attraversare il Canale di Suez.

La nave portacontainer Ever Given, lunga 400 metri e con una capacità di carico di circa 224mila tonnellate, era diretta dalla Cina a Rotterdam, ma la scorsa settimana si è arenata al 151° chilometro del canale, paralizzando questa importante rotta navale. Oggi la nave è stata disincagliata. L'ammiraglio Mohab Mamish, consigliere del presidente egiziano, ha dichiarato a Sputnik che la navigazione lungo il canale è già ripresa e ci vorranno circa quattro giorni per smaltire l'ingorgo di navi formatosi all'ingresso di questo passaggio navale.

Mamish ha anche escluso la possibilità di sabotaggio ed ha accusato il capitano della nave portacontainer di essere responsabile dell'incidente. Secondo Mamish, le autorità egiziane chiederanno un risarcimento all'armatore della nave per tutte le conseguenze dell'incaglio della nave e per le successive operazioni di disincaglio. Deve essere condotta anche un'indagine approfondita sull'incidente; l'amministrazione del canale dispone di tutte le registrazioni ed altri documenti relativi al caso.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала