Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Francia accusa Regno Unito di "ricatto" sulla consegna dei vaccini anti-Covid

La bandiera della Francia - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2021
Seguici su
In precedenza il Primo Ministro inglese Boris Johnson ha criticato le accuse dell'Europa secondo cui il Regno Unito avrebbe vietato le esportazioni dei vaccini anti-Covid.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha accusato il Regno Unito di "ricatto" riguardo la consegna delle dosi vaccinali all'Europa.

"Non può comportarsi così, con dei ricatti, solo perché ha affrettato le persone a vaccinarsi con una prima iniezione, e ora si ritrova ad essere incapacitato dalla mancanza di una seconda", Le Drian ha commentato alla stazione radiofonica France Info questo venerdì. 

La sua dichiarazione arriva poche settimane dopo che il Primo Ministro inglese Boris Johnson ha duramente risposto a Bruxelles riguardo le accuse al Regno Unito di aver bandito l'esportazione del vaccino all'Europa.

"Voglio chiarire che non abbiamo bloccato l'esportazione di una singola dose del vaccino per il Covid-19 o di alcuno dei suoi componenti. Questa pandemia ci ha fatto schierare tutti dalla stessa parte della sanità mondiale, e noi ci opponiamo al nazionalismo dei vaccini in tutte le sue forme", ha sottolineato Johnson.

Il Premier ha inoltre aggiunto come il Regno Unito debba sentirsi "fiero" del successo che il vaccino ha riscontrato, e dei 548 milioni di sterline (circa 640 milioni di euro) che sono stati investiti da Londra nell'iniziativa COVAX per garantire una distribuzione internazionale equa del vaccino.

Il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel - Sputnik Italia, 1920, 22.01.2021
UE deve mantenere frontiere interne aperte durante pandemia per preservare mercato unico - Michel
Le parole di Johnson erano in risposta alle precedenti accuse del Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che aveva sostenuto come il Regno Unito avesse "imposto un vero e proprio divieto sull'esportazione dei vaccini e dei loro componenti" prodotti sul territorio inglese.

In sede separata, Michel ha respinto le accuse di "nazionalismo vaccinale" verso l'Europa dopo che le nazioni del blocco hanno ricevuto critiche sull'implementazione dei vaccini, dicendosi "molto sorpreso" da tali accuse.

Il Segretario degli Esteri inglese Dominic Raab ha rapidamente ricordato in una lettera di corrispondenza a Michel che "voleva mettere le cose in chiaro" e che "il governo inglese non ha bloccato l'esportazione di una singola dose del vaccino per il Covid-19 o di alcuno dei suoi componenti".

"Qualunque riferimento a un divieto di esportazione inglese o a delle restrizioni sui vaccini è completamente falso. Stiamo tutti affrontando questa pandemia assieme", ha sottolineato il Segretario degli Esteri.

Questo scambio arriva dopo che almeno 11 Paesi europei, tra i quali Francia, Germania, Italia e Olanda, hanno sospeso l'uso del vaccino inglese AstraZeneca dopo dei report di coaguli di sangue come effetti collaterali all'iniezione.

Per quanto riguarda il Regno Unito, ha iniziato la campagna di vaccinazione nazionale l'8 dicembre scorso, con oltre 20 milioni di cittadini inglesi ad aver ricevuto una vaccinazione anti-Covid. In prima linea per l'inoculazione del vaccino c'erano i cittadini anziani dai 70 anni in su, operatori sanitari e persone con condizioni di salute critiche.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала