Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scontro nel governo sui divieti, la linea dura dei rigoristi: niente a zona gialla sino a maggio

© Sputnik . Evgeny UtkinAuto a Milano
Auto a Milano - Sputnik Italia, 1920, 25.03.2021
Seguici su
Il fronte rigorista chiede la conferma della sospensione della zona gialla nel nuovo Dpcm da approvare la prossima settimana. Scuole aperte in zona rossa ma restrizioni da lockdown estese sino al 12 aprile per sette regioni e una provincia.

Scuole elementari aperte anche in zona rossa ma restrizioni estese almeno fino al 12 aprile per sette regioni e una provincia, da quanto si apprende dal quotidiano La Repubblica. I rigoristi chiedono la linea dura per il nuovo Dpcm da adottare entro il prossimo mercoledì, con la sospensione delle zone gialle fino a maggio. 

Nel governo è scontro fra il ministro Speranza che vuole la conferma del blocco, appoggiato da PD e M5S, e Lega e Forza Italia che chiedono invece restrizioni da fascia gialla per le regioni con una situazione epidemiologica a minore rischio, per venire incontro alle categorie più penalizzate da divieti e chiusure. 

Vaccinazione in Italia, un anziano attende il suo turno - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2021
Coronavirus, zona rossa e arancione: come cambiano i colori delle regioni
Mario Draghi sarebbe intenzionato a farsi guidare dai numeri del contagio, che al momento non sono buoni, come ha riferito ieri il Cts. Anche se le restrizioni hanno consentito una frenata della curva epidemiologica, poche regioni hanno parametri compatibili con la fascia gialla e sette si apprestano a restare in zona rossa sino al 12 aprile. 

Tra queste la Val D'Aosta che si appresta ad entrare nell'area a maggior restrizione mentre il Veneto è in bilico. Friuli Venezia Giulia, l'Emilia-Romagna, il Piemonte, la Provincia di Trento, le Marche, la Lombardia e la Puglia sono già rosse, mentre il Lazio da lunedì passerà ad arancione. 

Palazzo Chigi punta alla riapertura delle scuole che sino alla prima media resteranno aperte, ma musei, cinema e teatri dovranno ancora attendere, così come slitterà la fine del divieto di spostamento tra regioni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала