Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vaccinazioni Italia, capacità doppia ma manca il siero

© REUTERS / Alberto PizzoliIl presidente del Consiglio Mario Draghi al Senato
Il presidente del Consiglio Mario Draghi al Senato - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2021
Seguici su
La campagna vaccinale italiana ha ripreso dopo la pausa dei controlli su AstraZeneca, ma i numeri di vaccini disponibili sono ancora troppo bassi per iniziare le somministrazioni al ritmo desiderato.

Dopo la pausa a scopo precauzionale della campagna di vaccinazione con AstraZeneca, l'Italia ha ripreso la somministrazione del siero anglo-svedese, ma i numeri di fatto non raggiungono le previsioni sperate.

Matteo Salvini  - Sputnik Italia, 1920, 21.03.2021
Problemi vaccini Lombardia, Salvini: "Se qualcosa non funziona, si cambia e si migliora"
Motivo unico è la mancanza di fiale vaccinali, con le quali le vaccinazioni non riescono a superare i 200mila somministrazioni giornaliere, nonostante il sostegno dato da 333mila dosi del Vaccino Moderna e le nuove consegne

di Pfizer, in attesa dell'approvazione del siero di Johnson&Johnson. L'obbiettivo da raggiungere per questa campagna vaccinale è di 500mila vaccinazioni al giorno ma, secondo liste di previsioni del primo trimestre, mancano ancora 4 milioni di dosi.

Grazie all'intervento del commissario per l'emergenza Covid, Francesco Figliuolo, le procedure di preparazione della campagna vaccinale italiana hanno permesso di creare una forte capacità di vaccinazione nel paese, che vedrebbe l'Italia "pronta a somministrare da subito il doppio delle dosi di vaccino" disponibile al momento, grazie all'arruolamento di nuovo personale medico e la creazione di centri per l'inoculazione del vaccino su tutto il territorio.

© Lorenzo GueriniInaugurazione drive through per la vaccinazione, Milano
Vaccinazioni Italia, capacità doppia ma manca il siero - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2021
Inaugurazione drive through per la vaccinazione, Milano

Il commissario europeo Thierry Breton ha in questi giorni criticato il vaccino russo anti-Covid Sputnik V, sostenendo come "l'UE non ha bisogno dello Sputnik. I russi fanno fatica a produrlo e noi li sosterremo se necessario".

Il vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus a San Marino - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2021
Vaccini Covid, Cavaleri (Ema): Sputnik V e altri tre vaccini in esame, ad aprile ispezioni in Russia
Venerdì scorso il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi si è pronunciato d'accordo sulle dichiarazioni dello stesso giorno di Angela Merkel riguardo il vaccino russo Sputnik V. In linea con quanto sostenuto dalla cancelliera tedesca, Mario Draghi ha ribadito l'importanza di "agire in maniera indipendente" nel caso in cui l'UE non dovesse approvare l'acquisto e la distribuzione del vaccino russo.

"Sulla salute bisogna essere pronti a fare da soli: è quello che ha detto Merkel ed è quello che dico io", ha detto, riferendosi alla possibilità dell'Italia di acquistare lo Sputnik V direttamente dalla Russia indipendentemente dalla decisione dell'Unione Europea in modo da aiutare il raggiungimento dell'obbiettivo di vaccinazione nazionale.

Il Presidente Draghi si è inoltre detto pronto a ricevere la dose del vaccino AstraZeneca, dopo il via libera da parte dell'EMA.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала